Si celebra oggi, soprattutto nel mondo anglosassone, il Black Cat Day: un’intera giornata dedicata agli splendidi gatti neri. Una ricorrenza importante, soprattutto basata sulla sensibilizzazione, poiché questi esemplari sono spesso vittime inconsapevoli di false credenze e leggende metropolitane, nonché di ingiustificabili violenze. Non vi è solo la superstizione, però, poiché di recente è emerso un altro immotivato e poco edificante trend: tanti quadrupedi neri, infatti, verrebbero rifiutati poiché poco fotogenici nei selfie.

Così come reso noto da una recente ricerca di Cats Protection nel Regno Unito, in media un gatto nero attende in gattile il 13% del tempo in più rispetto ad altri esemplari, prima di trovare una famiglia amorevole. Nel mentre, tra il 2007 e il 2013 il numero di felini scuri accolti dalle strutture britanniche sarebbe cresciuto del 65%. Considerato come proprio nel Regno Unito, al contrario di molte altre nazioni, il gatto nero sia simbolo di sconfinata fortuna, gli esperti tendono a ritenere la crescita degli abbandoni possa essere relativa alla difficoltà di immortalare l’animale in uno scatto pensato per i social network.

=> Scopri i gatti neri abbandonati perché poco fotogenici


In Italia il gatto nero viene celebrato il 17 novembre, mentre il 17 febbraio è il turno di tutti i felini, di qualsiasi razza e dal manto di ogni tonalità. Nei Paesi dell’Europa centrale e meridionale, Stivale incluso, il micio dal pelo corvino è solitamente associato alla sfortuna e al cattivo presagio, in particolare quando attraversa la strada. In realtà, si tratta di una credenza popolare del tutto immotivata e da eradicare, poiché deleteria per questi amici a quattro zampe, in tutto e per tutto identici a qualsiasi altro gatto.

=> Scopri le iniziative contro l’abbandono dei gatti neri


Proprio per dimostrare amore e accoglienza per una varietà sovente vittima di vessazioni, sono molte le organizzazioni internazionali che consigliano l’adozione di un rappresentante durante simili appuntamenti annuali. E, con un po’ di pratica, anche l’esemplare dal manto più scuro potrà garantire scatti davvero memorabili: basti pensare al tipico sguardo magnetico e irresistibile, garantito da due grandi occhi gialli.

27 ottobre 2017
Fonte:
Lascia un commento