BlaBlaCar festeggia la Giornata Mondiale dell’Ambiente del 5 giugno presentando i propri dati di riduzione dei consumi di CO2 e carburante. La piattaforma di “ride sharing” ha evidenziato come nel corso degli ultimi due anni il servizio ha permesso di risparmiare 500 mila tonnellate di carburante.

Un risparmio considerevole quello presentato da BlaBlaCar, che equivale a compiere con un’auto 250 mila volte il giro del mondo. Ride sharing che si conferma quindi una delle principali “armi” a disposizione della mobilità sostenibile, grazie anche alla riduzione delle emissioni di CO2 pari a 1 milione di tonnellate.

Il carburante risparmiato consentirebbe, spiega BlaBlaCar, non soltanto di compiere il giro del mondo in auto 250 mila volte, ma potrebbe in alternativa alimentare l’illuminazione pubblica di una metropoli come Los Angeles per un intero anno. Alla vigilia della Giornata Mondiale dell’Ambiente l’azienda presenta inoltre i dati relativi all’importanza dell’ambiente per i propri utenti.

Secondo le opinioni raccolte il 65% dei conducenti e il 61% dei passeggeri dichiara di scegliere il servizio di ride sharing per tutelare l’ambiente insieme alla possibilità di risparmiare denaro.

A denotare il successo del servizio, unito al notevole risparmio in termini di CO2, anche la percentuale di conducenti che riescono a occupare tutti i posti liberi all’interno della propria auto durante il viaggio: il 58%. Un dato che evidenzia come in quasi 6 viaggi su 10 si sia potuta evitare la circolazione di altri veicoli e il relativo impatto per l’ambiente.

4 giugno 2015
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Sil, giovedì 4 giugno 2015 alle11:46 ha scritto: rispondi »

Chi offre passaggi su blablacar riesce appena a ammortizzare i costi dell autostrada. Se blablacar comincerà a chiedere la percentuale sulla prenotazione (come avviene sulla tratta Genova milano ad esempio) non conviene più anzi diventa scomodo per la poca flessibilità al quale il conducente è impegnato.

Sil, giovedì 4 giugno 2015 alle11:46 ha scritto: rispondi »

Chi offre passaggi su blablacar riesce appena a ammortizzare i costi dell autostrada. Se blablacar comincerà a chiedere la percentuale sulla prenotazione (come avviene sulla tratta Genova milano ad esempio) non conviene più anzi diventa scomodo per la poca flessibilità al quale il conducente è impegnato.

Lascia un commento