Biscotti fatti in casa con ingredienti biologici

Preparare i biscotti in casa è un modo semplice per realizzare cibi sani, privi di conservanti e sicuramente economici. Qualunque sia la ricetta che vorrete realizzare è importante che gli ingredienti siano sani e biologici. Per questo motivo per ottenere un prodotto nutriente è meglio acquistare cibi a chilometro zero, rivolgendo l’attenzione agli alimenti la cui provenienza è certa e tracciabile.

Intanto preferite ingredienti locali in modo da evitare che il trasporto incida sul costo e sull’ambiente. Un camion che trasporta del latte da una regione all’altra è sicuramente più inquinante di un litro di latte acquistato nella fattoria dietro casa. Se siete iscritti poi alle reti Gas, oppure avete facile accesso a prodotti di natura artigianale, reperire latte, uova, farina, sarà facile ed economico.

Probabilmente se abitate fuori città, in una zona con alta concentrazione di verde, sarà più facile rivolgervi all’agricoltore di fiducia per acquistare cibi privi di additivi chimici, uova di galline allevate a terra e non in batteria, e latte di mucche libere di pascolare. Ma la filosofia del biologico e sano ha raggiunto anche le grandi città, e sono molti i produttori locali che si appoggiano ai Gas oppure che sfruttano i mercati rionali per vendere i loro prodotti.

Una volta recuperati i prodotti potrete realizzare i vostri semplici e gustosi biscotti casalinghi; la ricetta di base comprende 230 grammi di farina, 150 grammi di burro, 50 grammi di zucchero, 3 tuorli d’uovo. Su un piano di lavoro pulito create una piccola montagna con la farina, al centro versate il burro, 40 grammi di zucchero e i 3 rossi d’uovo. Impastate con vigore fino a ottenere un composto omogeneo e uniforme, al quale il burro si amalgamerà perfettamente. Spianate l’impasto con mattarello ottenendo uno spessore di 1,5cm di altezza massima, con un bicchiere o con le formine tagliate la sfoglia e disponete i biscotti sulla teglia da forno preventivamente coperta con la carta da forno. Stendete a pioggia sui biscotti lo zucchero avanzato e lasciateli cuocere fino a doratura nel forno preriscaldato a 160°.

Per ottenere biscotti ancora più morbidi potete precedentemente sbattere zucchero e burro insieme, quindi aggiungere le uova per mescolare e impastare con la farina. Ovviamente potrete apportare tutte le modifiche che più vi piacciono, ad esempio aggiungendo un po’ di essenza alla vaniglia, noci e nocciole tritate, mandorle, cacao in polvere, liquore per dolci o frutta magari del mercato equo solidale.

Se amate la cucina vegan e non utilizzate prodotti di origine animale, uova e latte compresi, ci sono diverse ricette facili e divertenti che vi potranno aiutare a realizzare biscotti da inzuppare nel latte di soia la mattina. Per realizzarli procuratevi: 300 gr farina tipo 2 (semintegrale), 15 gr lievito (meglio se minerale), vaniglia in polvere, un pizzico di sale, 50 gr olio di mais, 50 gr malto, 50 gr datteri (in assenza, usate 100 gr malto), 80 gr latte di riso o soia, 6 albicocche secche, 1 manciata di mirtilli secchi o uvette, cioccolato fondente per la decorazione.

Mescolate in una ciotola capiente la farina, il lievito, la vaniglia e il sale, quindi aggiungete l’olio, il malto e il latte. Tritate finemente i datteri e uniteli agli altri ingredienti, lavorate il tutto con un cucchiaio di legno per amalgamare quindi procedete impastando con le mani. Tagliate le albicocche in pezzetti piccoli e unitele all’impasto insieme ai mirtilli (oppure uvette). Stendete la pasta con il mattarello e create una sfoglia alta 1,5cm, tagliate le sagome con le formine e infornate come illustrato in precedenza. Spennellate ogni biscotto con il latte di soia e
lasciate cuocere fino a doratura per 12 minuti. A parte sciogliete il cioccolato a bagnomaria, quindi versatelo sui biscotti cotti e tiepidi.

5 ottobre 2011
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Maria Teresa , venerdì 12 febbraio 2016 alle14:28 ha scritto: rispondi »

cercavo la ricetta della ciambella con farina di farro poi mi sono soffermata su altre ricette e penso di provare poi tornerò per far sapere i risultati per il momento ringrazio

antonietta gaeta, giovedì 21 novembre 2013 alle13:15 ha scritto: rispondi »

questa ricetta oggi la provo mi siete stati molto utili grazie!

Lascia un commento