Sensibilizzare filiera e consumatori esteri sull’importanza di un’agricoltura sana e biologica. Questo l’obiettivo del progetto di Federbio “Organic Food Organic Mood”, al quale ha scelto di aderire anche Probios, azienda italiana leader nel Bel Paese nella distribuzione di prodotti bio vegetariani e per intolleranze alimentari.

=> Maxi inaugurazione per lo stabilimento Probios in Italia, leggi i dettagli

Il progetto “Organic Food Organic Mood” nasce dalla collaborazione tra Federbio e le istituzioni italiane e comunitarie (UE). L’obiettivo dichiarato è quello di sensibilizzare Paesi al di fuori dell’Unione Europea quali Cina, USA e Giappone, dove si cercherà di stimolare la crescita e il rafforzamento del ruolo recitato dalla comunità agroalimentare e in particolar modo del settore bio.

=> Biologico scelto da 7 famiglie su 10 secondo Rapporto SANA 2016

Informare, promuovere e comunicare sono i tre caposaldi dell’iniziativa a sostegno dei prodotti e della filiera bio, con il primo grande evento atteso per lunedì 6 febbraio 2017 presso l’Eataly Flatiron store di New York City. Qui verranno presentati prodotti biologici europei.

A seguire lo show cooking della chef Alexis Mejia, della Scuola Grande di Eataly (l’Accademia di Cucina Italiana interna alla catena); grandi protagonisti di questo momento di “cucina creativa” elementi tipici dell’eccellenza bio italiana quali olio EVO aromatizzato, passata di pomodoro italiano, polenta e cous cous di grano saraceno.

Le iniziative in programma proseguiranno anche nei giorni successivi, presso i distributori Probios negli USA (Buonitalia al Chealsea Market e Coluccio & Sons): qui i prodotti a marchio verranno distribuiti in promozione dal 2 all’8 febbraio.

L’appuntamento con la promozione del biologico Probios negli USA si rinnoverà nel mese di maggio, quando si festeggerà il mese del biologico italiano, dove i prodotti a marchio saranno presenti in tutti i punti vendita Eataly di New York, Chicago e Boston, oltre che negli altri negozi che aderiranno all’iniziativa.

3 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento