Il mercato dei cibi biologici continua a crescere a dispetto dei venti di crisi che spirano in altri settori dell’industria agroalimentare. A rivelarlo sono i dati diffusi dall’Organic Monitor in vista del Biofach, il salone degli alimenti biologici in programma a Norimberga in Germania dal 10 al 13 febbraio 2016.

Alla fiera tedesca è prevista la partecipazione di oltre 2.400 espositori provenienti da tutto il mondo. Aziende che hanno deciso di investire nel biologico e stanno raccogliendo i frutti di una scelta sostenibile per l’ambiente e per i consumatori.

Secondo l’agenzia britannica negli ultimi 15 anni il fatturato del mercato biologico è quintuplicato, raggiungendo la cifra record di 80 miliardi di dollari. Nel 1999 il volume del mercato non superava i 15 miliardi di dollari.

Sempre più aziende decidono di convertirsi all’agricoltura biologica per soddisfare la richiesta di cibi genuini, in continua crescita tra i consumatori. Nel 2013 la superficie destinata alle coltivazioni biologiche ammontava a 43,1 milioni di ettari in tutto il mondo.

Dai dati diffusi dall’Arbeitskreis Biomarkt emerge che il mercato del biologico europeo è dominato dalla Germania che ha registrato un fatturato di 7,91 miliardi di euro nel 2014.

Al secondo posto in Europa troviamo la Francia con un fatturato in crescita del 10% rispetto al 2013, pari a 5 miliardi di euro. A dominare l’export in Europa è la Danimarca che fattura 204 milioni di euro all’anno. Il 29% del mercato alimentare danese è biologico. A far segnare risultati positivi è anche il mercato svedese che nel 2014 ha registrato un vero e proprio boom, crescendo del 38%, con un fatturato annuo di 1,6 miliardi di euro.

In Gran Bretagna il biologico lo scorso anno è tornato a crescere, facendo segnare un +4% e raggiungendo un fatturato di 2,53 miliardi di euro.

Anche negli USA i prodotti biologici stanno conquistando una fetta sempre maggiore del mercato alimentare. La quota di cibi bio immessa sul mercato è pari al 5% del totale. Nel 2014 la crescita del settore è stata dell’11%, con un fatturato complessivo di 31,6 miliardi di euro.

19 ottobre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento