Biologico, FederBio: stop ad allarmismo ingiustificato su falso bio

Allarmismo ingiustificato che può penalizzare inutilmente il biologico italiano. A intervenire in risposta alle notizie pubblicate in relazione al “falso bio alimentare” è la Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica, che ha commentato sostenendo le operazioni condotte dai Carabinieri Nucleo Tutela Agroalimentare, ma ridimensionando l‘entità dei valori resi noti.

=> Leggi gli ultimi dati sugli italiani e il biologico

Secondo quanto precisato da FederBio gli esiti delle indagini “evidenziano tuttavia frodi di modeste dimensioni e in ambiti molto specifici, che nulla hanno a che vedere con la reale dimensione del mercato dei prodotti biologici in Italia”. Tali conclusioni non autorizzano, spiegano i vertici della Federazione, ad affermare che la maggioranza della popolazione italiana sarebbe esposta al rischio di frodi alimentari a causa del consumo di prodotti del biologico. In questi casi è necessario evitare ogni forma di allarmismo ingiustificato secondo quanto sottolineato da Paolo Carnemolla, presidente FederBio:

Se fosse realmente così i Carabinieri del NTA avrebbero svolto un’attività d’indagine inefficace, in relazione ai risultati quantitativi dell’operazione, cosa che evidentemente non è. Con l’insediamento del nuovo Governo e il completamento della squadra che affiancherà il ministro Centinaio ci sono finalmente le condizioni per dare piena attuazione alla riforma del sistema di certificazione di settore e anche, ci auguriamo, per poterla migliorare.

Su questo terreno FederBio è come sempre pronta al confronto con tutti gli attori istituzionali e con le organizzazioni di rappresentanza delle imprese, respingendo ogni allarmismo ingiustificato e fuorviante rispetto alle reali garanzie che tutto il sistema deve assicurare ai consumatori che scelgono i prodotti biologici.

15 giugno 2018
Lascia un commento