Cresce il biologico italiano e non fa eccezione la Cooperativa Girolomoni. Una delle realtà maggiori del bio in Italia fa registrare vendite record nel nostro Paese, con un +21% sul mercato nostrano. A contribuire al successo dell’azienda anche i buoni risultati ottenuti con le paste realizzate grazie alla riscoperta di grani antichi.

Un risultato quello ottenuto da Girolomoni che conferma la crescita generale ottenuta dal biologico in Italia. Un fatturato che si attesta, spiega la stessa cooperativa agricola con sede a Isola del Piano, attorno ai 10 milioni di euro. Oltre 6.000 tonnellate di pasta venduta, circa il 90% del totale vendite, della quale il 15% è ottenuto da grani antichi.

In un panorama di mercato rappresentato in prevalenza dalle vendite all’estero, la quota nazionale raggiunge il 15% del totale venduto, con una crescita del 60% rispetto all’anno precedente e del doppio rispetto al 2011.

Sbocco privilegiato si conferma però la Germania, seguita dalla Francia, a testimonianza dell’importanza delle esportazioni per il biologico italiano. Come ha dichiarato Giovanni Battista Girolomoni, presidente della Cooperativa Gino Girolomoni:

I risultati economici 2014 sono fonte di particolare orgoglio per la nostra azienda. Negli ultimi anni mediamente oltre il 90% del nostro fatturato è arrivato dall’estero: pur continuando ad essere orientati ad un mercato internazionale, la crescita positiva nel nostro Paese è per noi un risultato importante che realizza il sogno di mio padre di sviluppare il biologico in Italia senza tradire mai i valori che sono stati alla base della nascita e dello sviluppo di questa azienda.

20 gennaio 2015
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento