Bioedilizia: Gaia, prima casa stampata in 3D con materiali naturali

È la prima casa stampata in 3D, quel modello architettonico progettato da WASP, che si chiama Gaia. Una casa completamente ecosostenibile realizzata con materiali naturali.

Per giungere alla realizzazione di questa opera architettonica si sono svolte numerose ricerche che hanno coinvolto differenti settori, da quelli della stampa 3D a quelli che si occupano di design e scienze dei materiali. Per la realizzazione di questa casa stampata in 3D si sono utilizzate delle fibre vegetali.

=> Scopri la casa di paglia per abbattere i costi delle bollette

Il 25% del terreno impiegato è stato prelevato direttamente in loco, mescolando argilla, limo e sabbia. Gaia è il frutto della combinazione di materiali diversi, come la paglia di riso, la lolla di riso e la calce idraulica. L’obiettivo è stato quello di utilizzare materiali naturali di scarto, che provengono essenzialmente dalla filiera produttiva del riso, per realizzare una casa che si può considerare un modello importante per quanto riguarda anche la salubrità degli ambienti domestici.

La casa stampata in 3D ha un impatto ambientale minimo e rappresenta un modello significativo anche per quanto riguarda le prestazioni energetiche. All’interno della casa non occorrono impianti di riscaldamento e di condizionamento perché quest’opera è stata progettata per mantenere una temperatura confortevole sia nella stagione invernale che in quella estiva.

=> Leggi di più sull’edificio green in cartone ondulato

Alla realizzazione del progetto ha contribuito anche RiceHouse, una start up che si occupa di bioedilizia. Le condizioni ambientali della casa stampata in 3D riescono ad essere mantenute in maniera ideale grazie anche alla possibilità di convogliare la luce del sole che arriva su Gaia attraverso il suo orientamento a sud ovest.

La copertura è realizzata in legno isolante e la casa presenta una grande vetrata, in modo da rendere ancora migliore l’apporto della luce naturale. Gaia presenta inoltre un sistema di ventilazione naturale e ha tutte le caratteristiche che ne determinano un isolamento importante anche dal punto di vista acustico. Potrebbe essere un modello per sviluppare l’opportunità di costruire edifici con soluzioni progettuali per garantire il rispetto dell’ambiente.

5 ottobre 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento