È una storia a lieto fine quella che coinvolge una famiglia inglese, una piccola proprietaria e il loro adorato cane. Sottratto indebitamente dal giardino dell’abitazione, è stato ritrovato grazie all’aiuto di ben 29.000 condivisioni su Facebook. Il tutto succede a Pontcanna, vicino Cardiff.

Quella tra Lola, una bimba di sei anni, e il suo cane Ruby, uno Staffordshire Bull Terrier, è una di quelle storie di amicizia inseparabile, come spesso avviene tra bambini e animali domestici. Qualche tempo fa, e in pieno giorno, qualcuno ha però pensato di sottrarre il quadrupede dal giardino dei proprietari, un luogo ben chiuso e protetto dove l’animale non avrebbe potuto allontanarsi di sua spontanea volontà. Così per la piccola Lola è iniziato un vero e proprio incubo, dovuto dalla separazione dal suo amico a quattro zampe. L’impegno della mamma, e di tanti sconosciuti su Facebook, ha però risolto il mistero della scomparsa dell’esemplare

Dopo aver pubblicato sul social network un appello per il ritrovamento di Ruby, in meno di 24 ore la famiglia si è dovuta confrontare con un fatto davvero straordinario: ben 29.000 condivisioni su Facebook, con altrettanti commenti di segnalazione e indizi utili al ritrovamento. Finché un utente anonimo ha deciso di chiamare i proprietari, per fornire l’indirizzo di chi ha preso indebitamente in custodia l’animale.

A quanto pare, i ladri avrebbero rubato l’amico a quattro zampe tagliando una rete con una cesoia, allo scopo di venderlo al miglior offerte. L’acquirente, ovviamente ignaro del misfatto, ha riconsegnato il cane senza alcuna resistenza.

Siamo così felici e riconoscenti. Ci sono così tante persone orribili là fuori, ma questo dimostra quante tante altre persone adorabili esistano. Lola è in estasi, Ruby è il suo migliore amico. Si coricano insieme e si riempiono di coccole.

Queste le dichiarazioni di Roxanna, la mamma della piccola, fornite alla testata inglese BBC. Una storia a lieto fine, così anticipato, per un’amicizia sincera tutt’altro che scalfita dagli eventi.

3 giugno 2014
Fonte:
BBC
Immagini:
BBC
Lascia un commento