Per Bill Gates il nucleare è l’unica soluzione al problema energetico. Lo ha dichiarato durante una conferenza stampa in occasione del Wired Business 2011 di New York, aggiungendo affermazioni critiche nei confronti delle politiche di efficienza energetica in generale e più in particolare sulle nazioni che puntano sugli impianti solari domestici o sulla microgenerazione.

Se proprio si vuole puntare sulle energie rinnovabili bisogna pensare in grande, quindi a progetti solari di dimensioni elevate, come ad esempio il progetto Desertec. Solo così è possibile ottenere prezzi energetici ragionevoli.

Ma il vero segreto per rispondere al fabbisogno energetico del mondo sta, per il presidente di Microsoft, nel puntare sull’energia nucleare. La domanda da parte dei Paesi in via di sviluppo è troppo ingente perché gli sforzi fatti finora per risolvere il problema climatico possano avere successo. Se non si riducono del 90% le emissioni di CO2, non c’è miglioramento che tenga e gli effetti devastanti non potranno essere evitati.

Ma Gates non si è limitato alle parole ed è già passato ai fatti, investendo milioni di dollari su TerraPower, società di Seattle attiva nel settore del nucleare, e su sul progetto di un reattore alimentato da uranio impoverito (isotopo 238) e non arricchito. L’idea è di realizzare un traveling-wave reactor (TWR) che riduca al minimo, a un millesimo, i rifiuti normalmente generati da un impianto di energia atomica. In più questo tipo di reattore può sfruttare per periodi più lunghi l’intero processo della fissione, andando a pieno regime per 50 o 100 anni e ridudendo drasticamente l’impatto ambientale.

Dunque la tragedia del Giappone e il disastro di Fukushima, non hanno affatto scalfito Gates che non si mostra per nulla preoccupato in merito, anzi si erge a promotore delle tecnologie nucleari emergenti.

5 maggio 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Massimo_mz56, venerdì 6 maggio 2011 alle15:31 ha scritto: rispondi »

Orribile! Questo è essere criminali

Vincenzo, venerdì 6 maggio 2011 alle5:59 ha scritto: rispondi »

detto da quello che, qualche anno fa, aveva detto che 640 kb di RAM son sufficienti per tutti...

Vincenzo, venerdì 6 maggio 2011 alle5:59 ha scritto: rispondi »

detto da quello che, qualche anno fa, aveva detto che 640 kb di RAM son sufficienti per tutti...

Welcometotherealworld, venerdì 6 maggio 2011 alle0:32 ha scritto: rispondi »

Peccato che se esplode una centrale nucleare nel raggio di decine di chilometri rimane la morte più desolante e definitiva. Non ci credi? Vai su Google Maps e guarda i dintorni di Černobyl' con quelli del Monte Toc. E dimmi se noti qualche differenza. Inoltre citi proprio un caso tipico di inefficienza italiana e dici che allora dato che sappiamo provocare disastri allora è giusto fare centrali nucleari. Quindi tu ammetti i rischi e cerchi di giustificarli con una tesi assurda, che non considera l'enorme differenza di gravità dei due tipi di incidente.Infine, non vedo che pericoli ci possano essere in una centrale eolica o solare. Quindi evitiamo di sparare idiozie!

Iughettiluciano, giovedì 5 maggio 2011 alle19:21 ha scritto: rispondi »

Sono d'accordo con Gates. L'ho sempre pensato; certo che ci sono dei pericoli, ma ci sono, chi più e chi meno, in tutte le fonti di energia; ci siamo dimenticati del Vajont? tano per fare de nomi. Logicamente che il programma che Gates si propone sarebbe un optimum. Spero che riesca per il bene di tutti. Luciano

Lascia un commento