Con l’estate arriva la voglia e l’occasione per andare al mare. E spesso anche al mare, tutte le donne amano cambiare costume da bagno e magari trovare qualcosa di davvero originale. Che si può ottenere anche e soprattutto con un po’ di manualità attraverso il riciclo creativo. In questo post verrà esaminato come realizzare il top di un bikini a partire da una maglietta che non viene più utilizzata e decorarlo con perline, anelli o qualunque altra cosa in casa abbia perduto la funzione originaria.

Il riciclo creativo è infatti una questione di fantasia: quante piccole bomboniere, parti di confezioni o altro si conservano in casa? Ci sono dettagli che possono avere una nuova vita e che possono risultare utili nella quotidianità, basta guardare tutto con occhi nuovi. Ecco come realizzare il top di un bikini con il riciclo creativo.

Occorrente

  • 2 gomitoli di cotone spesso (4 se il filato è sottile);
  • 1 vecchia maglietta, il tessuto non ha importanza;
  • perline qb;
  • 1 portachiavi a forma di stellina o cuoricino.

Procedimento

  • Tagliare a strisce la vecchia maglietta. Le strisce devono avere una lunghezza di circa 50 centimetri, mentre la lunghezza del sottoseno cambia da donna a donna. Si deve quindi misurare con il metro da sarta e aggiungere una trentina di centimetri;
  • Per realizzare le coppe: con l’uncinetto, creare 16 catenelle e fare un giro di maglia bassa da un lato delle catenelle. Arrivate all’apice aggiungere 2 o 3 maglie e fare un altro giro di maglia bassa dall’altro lato della catenella. Ripetere a libitum, in base alle misure che si hanno. È consigliabile controllare provando addosso ogni coppa, in modo che si sia sicuri di non scoprirsi troppo;
  • Unire le due coppe attraverso l’anello del portachiavi, badando che la decorazione sia dal lato giusto e quindi dia il fronte a chi guarda, se c’è un fronte e un retro. Se è un oggettino a tuttotondo l’importante è solo che stia sul lato inferiore del bikini;
  • Rifinire se occorre le strisce di stoffa e collegarle con il bikini attraverso ago e filo, anche a contrasto se lo si preferisce.

4 luglio 2013
Lascia un commento