Arriva anche nel nostro Paese Gobee.bike. Il servizio di bike sharing senza stazioni sarà accessibile a tutti inizialmente nella città di Torino, dopo le sperimentazioni avviate ad Hong Kong e dopo il lancio in Francia e in Belgio. Gobee.bike sarà disponibile nel capoluogo piemontese a partire da giovedì 2 novembre.

Questo servizio di bike sharing presenta una caratteristica molto particolare, che lo differenzia da altri progetti di questo tipo. Gobee.bike non prevede il riferimento a stazioni di deposito nel capoluogo piemontese e comprende all’inizio la possibilità di utilizzare alcune centinaia di biciclette, con un servizio che verrà ulteriormente ampliato nel corso delle successive settimane.

L’obiettivo è quello di fronteggiare le sfide sempre più attuali della mobilità nelle città di grandi dimensioni, con la possibilità di ridurre il traffico nelle vie principali e di far diminuire allo stesso tempo le emissioni inquinanti. Gobee.bike si propone di fornire un’attività di bike sharing con molta semplicità e libertà negli spostamenti quotidiani all’interno della città.

=> Scopri il bike sharing firmato Ford e Deutsche Bahn

Il progetto si basa su una tecnologia innovativa per la condivisione dei mezzi. Le bici possono essere utilizzate in maniera più flessibile, grazie anche alle opportunità garantite dalla tecnologia GPS utile per geolocalizzare i mezzi a due ruote. Le biciclette sono state realizzate in modo da garantire una durata molto ampia, con ruote senza camere d’aria che aiutano a proteggere contro le forature.

Per utilizzare il servizio basterà scaricare un’apposita applicazione per iOS e Android, attraverso la quale si può individuare facilmente la presenza di una bicicletta. Poi si usa il codice QR presente sulla bici per sbloccare il mezzo e lo si ha subito a disposizione per spostarsi comodamente in città.

=> Scopri le novità sul bike sharing a Milano, svincolato da punti di raccolta

Gobee.bike non utilizza stazioni di deposito delle bici. Questo permette agli utenti di usufruire di una maggiore libertà nell’utilizzo dei mezzi, perché questi ultimi possono essere lasciati dopo l’uso in un luogo pubblico qualsiasi in cui sia presente un parcheggio per le biciclette. In questo modo vengono ridotti gli investimenti per la creazione e la manutenzione dei punti di consegna.

Le bici hanno anche dei sensori che permettono un controllo e la prevenzione di usi impropri o di abbandono dei mezzi in posti non permessi. Gli utenti interessati possono utilizzare il servizio ad un costo di 50 centesimi ogni 30 minuti di utilizzo. Chi deciderà di registrarsi nelle settimane successive al lancio di Gobee.bike potrà usufruire di un deposito cauzionale in promozione, che è fissato inizialmente a 15 euro. Per effettuare i pagamenti non servono contanti, visto che si può pagare con i sistemi di pagamento elettronico e le carte di credito.

31 ottobre 2017
Lascia un commento