Immaginate di andare al cinema, al ristorante o al lavoro in bici e di non dovervi preoccupare, al vostro arrivo, di dove parcheggiarla per evitare che ve la rubino. Oppure di salire e scendere dal treno con bici al seguito senza alcuna difficoltà e il minimo ingombro. Tutto questo sarà realtà grazie alla nuova bici da borsa, pieghevole e leggera, sviluppata dal progetto Intermodal, finanziato dall’Unione Europea con 1,58 milioni di euro provenienti dai fondi del programma Horizon 2020.

Il prototipo della bici a pedalata assistita pieghevole ha delle caratteristiche uniche nel suo genere: il peso ammonta ad appena 7,5 chili. Una volta chiusa la bici da borsa entra in una comune ventiquattrore o in un qualsiasi contenitore che misuri 50 x 40 x 15 cm. La bici ha un volume piatto di 30 litri, pari a un quinto delle bici standard. L’ausilio elettrico è miniaturizzato, ma non per questo meno potente.

La bici pieghevole Intermodal potrà essere utilizzata e riposta all’occorrenza, anche portandola in casa senza fatica e dormendo sonni tranquilli la notte, senza timore di furti. A rendere questa bici ancora più attraente sotto il profilo della sostenibilità ambientale si aggiunge il fatto che è realizzata, in ogni sua parte e componente, da materiali riciclabili al 100%. Come ha sottolineato uno degli ideatori del prototipo, Alessandro Belli, fondatore di Tecnologie Urbane:

Con Bike Intermodal, abbiamo coniugato le migliori pratiche a livello di design, produzione e assemblaggio e abbiamo impiegato i materiali più innovativi per creare una bici supercompatta, leggera e accattivante, che risponde perfettamente alle esigenze della vita urbana.

Abbiamo puntato sulla massima robustezza del prodotto limitando il numero di componenti e utilizzando i materiali più resistenti e, al tempo stesso, più leggeri, come il magnesio.

Una volta entrata in commercio, la bici da borsa potrebbe essere venduta al costo di 800 euro nella versione senza motore. Equipaggiata di motore, invece, avrà un prezzo maggiorato, pari a 1.300 euro.

I costi non sono certo dei più abbordabili, ma la praticità e la versatilità di questo modello potranno sicuramente conquistare il mercato delle bici elettriche. Allo studio anche una versione base più economica dal costo previsto di 500 euro.

16 maggio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento