Il senso di sazietà di un pasto a base di un Big Mac è di breve durata, malgrado gli hamburger risultino conditi da varie salse e siano a dir poco ipercalorici. A spiegare come mai dopo aver consumato un Big Mac i morsi della fame si plachino solo per mezz’ora è il portale specializzato Fast Food Menu Price.

Secondo l’infografica realizzata dal sito la colpa dello scarso senso di sazietà indotto dal panino è attribuibile all’eccesso di zuccheri. L’elevato livello di zuccheri contenuti nel Big Mac genera un vero e proprio effetto ingannevole per il cervello che stimola l’organismo a produrre insulina. Il Big Mac contiene quantità elevate di sale e glucosio, correlate a obesità, diabete e malattie cardiache.

Il portale punta il dito anche contro la scarsa digeribilità del Big Mac, sostenendo che l’organismo impiega fino a 3 giorni per digerire il panino. Per digerire completamente i grassi trans di cui è ricco il panino possono occorrere addirittura 51 giorni. I grassi trans sono stati associati a diabete, tumori, malattie cardiache e obesità.

Fast Food Menu Price evidenzia inoltre l’alto apporto calorico del Big Mac pari a 540 calorie, quasi la metà del fabbisogno calorico giornaliero di un individuo adulto di sesso femminile che pratica un’attività fisica di media intensità. Alle calorie del panino vanno poi a sommarsi quelle delle patatine comprese nel menu, circa 230 per la porzione più piccola disponibile, e quelle della bibita.

Su 220 grammi di peso, il Big Mac contiene 47 grammi di carboidrati, 29 di grassi di cui 1,5 trans, 24 di proteine e ben 970 milligrammi di sodio. La dopamina che si libera nell’organismo dopo 20 minuti dal consumo di un Big Mac causa una sensazione di piacere temporaneo che innesca un circolo vizioso, simile alle dipendenze, portando il cervello a desiderare altri cibi ipercalorici.

Dopo 30 minuti il sale presente nel panino causa sete, affaticando i reni e il cuore. La sete può essere scambiata per il desiderio di un altro panino e compromettere il tasso di idratazione dell’organismo. Dopo 40 minuti il crollo dei livelli di glucosio nel sangue fa avvertire nuovamente fame. A distanza di 60 minuti il panino non è ancora stato digerito.

Gli esperti consigliano di consumare solo occasionalmente un Big Mac, ordinando l’insalata al posto delle patatine e rinunciando alle salse e alla bibita gassata, che ha effetti simili sull’organismo. Per placare i morsi della fame dopo aver mangiato il panino è consigliabile terminare il pasto con un dessert sano come lo yogurt.

24 settembre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento