Thomas Vles ha deciso di festeggiare l’apertura del primo negozio del suo brand in un modo davvero singolare ma molto divertente, ovvero percorrendo circa 480 chilometri con una bici del tutto particolare. Il mezzo di trasporto appositamente modificato presentava una sorta di carrellino coperto posto frontalmente, dentro al quale sonnecchiavano amabilmente i suoi due gatti Mushi e Cheesey. L’uomo alla guida del mezzo strampalato ha raggiunto Londra partendo dalla sua sua città natale, ovvero Amsterdam, così da divulgare il verbo legato al marchio Poopy cat e al primo shop legato alla società.

Il gruppo si occupa di progettare e creare particolari strutture componibili in cartone, utilizzabili sia come box cuccia che come comoda lettiera ecologica dal design moderno. Oltre a ottenere una sorta di percorso ludico realizzato con blocchi forati o chiusi, quindi pedane e torri. L’insieme è componibile ma anche variabile a seconda delle esigenze del gatto di casa. Per consentire maggiore visibilità ai prodotti e al marchio, il giovane Thomas ha viaggiato con l’ausilio di questa bicicletta particolare modificata personalmente, ribattezzata Kittymobile.

Alcuni dei blocchi di cartone posti all’interno della struttura hanno fatto da comoda cuccia per i suoi adorati mici di affezione. Ma l’amore per i felini non si limita al prodotto finito perché all’interno degli uffici del suo brand i quadrupedi possono fare bella mostra di se coabitando con i dipendenti, quindi testando direttamente le creazioni dell’azienda. Un lavoro a tutti gli effetti anche per i felini stessi che non si limitano a sonnecchiare sui tavoli di lavoro, ma sperimentano fisicamente tutte le combinazioni di assemblaggio dei vari blocchi. Da semplice box singolo a strutture simili a grossi castelli di carta. Sicuramente la lunga e faticosa pedalata non è passata inosservata, catturando l’attenzione dei passanti, dei curiosi e dei viaggiatori ma anche degli stessi media che hanno riservato una particolare attenzione all’incredibile gesto.

5 maggio 2015
Fonte:
Lascia un commento