Fra i tanti rimedi naturali per la pulizia della casa, il bicarbonato di sodio è davvero il compagno più gradito. Dagli usi più variegati, questa polvere è insostituibile in ogni ambiente – dalla cucina al bagno – e rende le noiosi operazioni domestiche facili, veloci e particolarmente soddisfacenti.

Si è parlato già diffusamente dei vari usi del bicarbonato per specifici compiti, dalla rimozione delle macchie sui tessuti fino all’eliminazione delle incrostazioni in cucina, di seguito si riassumeranno tutte le applicazioni più importanti, in una sorta di vademecum da tenere sempre a portata di mano.

Cucina

Il bicarbonato trova la sua applicazione maestra in cucina, dove non solo è ingrediente per ricette e digestivi, ma è il ritrovato di prima scelta per eliminare macchie d’unto, sporco stratificato, per riportare il forno al vecchio splendore e molto altro ancora. In generale, questi sono gli ambiti il cui ricorso è consigliato:

  • Piatti e stoviglie: la polvere di bicarbonato può essere un ottimo coadiuvante del lavaggio di piatti, stoviglie e padelle, sia da solo che abbinato al limone o al sapone di Marsiglia. Il rimedio è utile, inoltre, sia per il lavaggio a mano che con la lavastoviglie;
  • Piastrelle e pavimenti: capita molto spesso che le piastrelle della cucina si macchino di sostanze unte, dall’olio al sugo, e il bicarbonato sia puro che disciolto in acqua aiuta ad assorbire tutte le sostanze grasse;
  • Forno e fornelli: in soluzione in crema, quindi mescolato con poca acqua o con del succo di limone, il bicarbonato assorbe gli odori sgradevoli, rimuove lo sporco incrostato e rende igienico sia il piano cottura che l’interno del forno;
  • Vetri: diluito in acqua calda con l’aceto di vino bianco, il bicarbonato aiuterà a rendere i vetri della cucina – sia delle finestre che di eventuali ante – di nuovo splendenti.

Salotto e camera da letto

Letto e materasso

White Pillows On A Bed Comfortable Soft Pillows On The Bed via Shutterstock

Il bicarbonato è molto utile anche per la zona living della casa, così come nelle camere da letto, e non solo per pulire pavimenti e parquet, così come si è già visto in alcuni interventi precedenti. Il composto è infatti utile per tutti i tessili non sfoderabili – come i divani in pelle o in tessuto – così come per rinfrescare la stanza qualora in casa vi fosse un fumatore. In generale, l’applicazione anti-odore avviene spargendo della polvere direttamente sul tessuto da trattare, da lasciare in posizione per almeno una mezz’ora e poi rimuovere con un’abbondante passata di aspirapolvere. Il sistema ben si presta ai già citati divani e poltrone, ma anche a moquette, tappeti e tende. Per ridurre l’odore di tabacco, invece, basta inserirne uno strato denso all’interno dei posacenere. Lo stesso rimedio vale anche per la pulizia dei materassi, per riportarli all’antica freschezza, ma anche per ridurre le infestazioni da acari, tarli del legno e altri insetti che potrebbero disturbare il sonno. E proprio per la sua funzione anti-tarlo, il bicarbonato può essere efficacemente sfruttato per la protezione dei mobili, anche quelli più antichi.

Bagno

Ovviamente anche nella stanza da bagno il bicarbonato diventa la soluzione di prima scelta per tutti i maniaci del pulito disperati. Si parte dai sanitari, dove in abbinato all’aceto e al succo di limone è il più valido ritrovato naturale per la disinfezione e l’eliminazione dei batteri. Si prosegue quindi con gli scarichi, dove puro e mescolato al sale grosso può essere d’aiuto per sgorgare lavandini e docce intasate. Adatto praticamente a tutte le ceramiche, disciolto in acqua è un efficacissimo nemico del calcare, così come dei residui di sapone. Mescolato all’aceto, infine, ridona immediata lucentezza alla rubinetteria resa opaca da residui d’acqua e usura.

2 marzo 2014
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Stella, giovedì 6 marzo 2014 alle4:48 ha scritto: rispondi »

Questi consigli sono interessanti e possono aiutare tante persone.

Lascia un commento