Bevande zuccherate: calorie più dannose di quelle di pane e pasta

Le bevande zuccherate, a parità di calorie di pane e patate, causano più danni rispetto a questi ultimi cibi. In particolare determinano un aumento di peso e aumentano il rischio di incorrere in alcune malattie.

Lo hanno rivelato diversi studi realizzati presso l’Università di California, la Touro University e la Stanford University School of Medicine. Gli esperti hanno spiegato che non tutti i grassi e gli zuccheri sono uguali. Per esempio la stessa quantità di calorie si trova in una lattina di soda come in una patata di medie dimensioni. Tuttavia quest’ultima fornisce anche fibre, vitamine e potassio.

=> Leggi perché le bevande zuccherate possono causare il diabete di tipo 2

Bere troppe bevande zuccherate può portare a dei problemi di salute cronici, come le patologie cardiovascolari e il diabete di tipo 2. La ricerca ha confrontato anche i danni o i vantaggi per la salute che possono derivare da cibi con le stesse quantità di grassi, ma di tipo differente.

Gli alimenti ad alto contenuto di grassi polinsaturi come le noci, i pinoli, i semi di lino, i semi di chia e gli oli vegetali possono ridurre il rischio di malattia. I grassi polinsaturi aiutano a ridurre i livelli di colesterolo “cattivo” e gli oli possono apportare in abbondanza vitamina E.

=> Scopri perché le bevanze zuccherate causano 184 mila morti ogni anno

La stessa quantità di grassi saturi, come quella presente nelle carni rosse, può aumentare i livelli di colesterolo “cattivo” (LDL) nel sangue, incrementando il rischio di malattie cardiache e di ictus.

Bere un bicchiere di succo di frutta al giorno secondo gli esperti non produrrebbe effetti dannosi per il corpo, ma senza dubbio mangiare il frutto è più benefico. Il succo di frutta, fra le bevande zuccherate, perde la maggior parte delle fibre e molti nutrienti che sono contenuti nel frutto intero. Inoltre presenta un livello più concentrato di zuccheri, che può aumentare la glicemia e può favorire la comparsa della carie.

17 maggio 2018
Lascia un commento