Energy drink e bevande multivitaminiche non aiutano a migliorare la salute. Secondo uno studio condotti in Canada consumare questo tipo di bibite non favorirebbe in alcun modo il miglioramento della forma fisica o mentale, non presentando quindi alcuno dei pur promessi benefici a livello nutrizionale.

Nessun beneficio dagli energy drink alla concentrazione o nell’attività sportiva secondo i ricercatori canadesi della University of Toronto e della Ryerson University, con molte delle sostanze nutritive già assicurate, per quanto riguarda soprattutto i più giovani, dalla normale dieta quotidiana.

Stando a quanto riportato sulle pagine della rivista scientifica Applied Physiology, Nutrition and Metabolism, fatta eccezione per il possibile apporto effettivo di vitamina C, il resto delle sostanze presenti (come vitamine B6, B12 e niacina ad esempio) andrebbero del tutto sprecate. Un effetto che non corrisponderebbe quindi con quanto dichiarato dai produttori delle bevande energizzanti e multivitaminiche analizzate, come ha spiegato una delle autrici dello studio, la Dr.ssa Naomi Dachner:

Mentre i nostri risultati suggeriscono che i consumatori ne ottengono un ridotto se non nullo beneficio derivato dai nutrienti integrati nelle bevande analizzate, molti prodotti sono stati etichettati come portatori di benefici unici per il consumatore proprio grazie a questi nutrienti aggiunti.

In molti casi, spiegano i ricercatori nel loro rapporto, i nutrienti “sono spesso giustapposti a messaggi relativi a prestazioni fisiche e benessere emotivo, benefici che vanno oltre la scienza della nutrizione convenzionale”.

I ricercatori invitano quindi a maggiori controlli da parte delle autorità locali in merito a quanto dichiarato sulle confezioni o le etichette, per assicurarsi di non esporre senza alcun motivo i consumatori a sovraddosaggi di vitamine e sali minerali dal quale non ricaverebbero alcun beneficio.

14 gennaio 2015
Fonte:
I vostri commenti
sara, venerdì 22 gennaio 2016 alle19:01 ha scritto: rispondi »

Non serviva uno studio per sapere che non funzionano, e che al contrario possono diventare pericolosi col tempo x la salute

Lascia un commento