Beta HCG: cosa sono, valori alti o bassi, gravidanza

Fondamentali per monitorare una gravidanza agli esordi, ma non solo, i valori indicati con la sigla Beta HCG rappresentano l’ormone “gonadotropina corionica umana” che il corpo femminile secerne dopo il concepimento.

Il dosaggio del Beta HCG, quindi, si rivela determinante per capire se l’embrione ha iniziato a impiantarsi nell’utero e dai suoi livelli è possibile capire se la gestazione sta procedendo in modo ottimale, almeno nella sua fase iniziale. L’ormone della gravidanza può essere verificato in due modi, sottoponendosi a un prelievo del sangue oppure a un veloce controllo dell’urina, attraverso un comune stick reperibile in farmacia. Se nel primo caso è possibile ottenere valori quantitativi precisi, nel secondo la risposta consente essenzialmente di escludere o meno uno stato di gravidanza, ma non restituisce alcun valore numerico.

Valori di Beta HCG in gravidanza

Valori Beta HCG e Gravidanza

I livelli di Beta HCG nell’organismo della donna incinta crescono in modo esponenziale a partire dal giorno del concepimento, raggiungendo l’apice nelle prime otto o undici settimane di gestazione, ma successivamente diminuendo in modo graduale. La presenza dell’ormone a livello ematico può essere rilevata circa undici giorni dopo l’avvenuto concepimento, tuttavia è importante tenere sotto controllo alcuni parametri di riferimento considerando che il valore può variare da zero a 300.000 mUI/mL circa.

=> Scopri cause e valori della VES alta e bassa

In generale, se il valore di Beta HCG è inferiore a 1.0 mIU/ml (questo limite varia tra differenti laboratori analisi) non si è in presenza di una gravidanza, mentre nelle donne in menopausa la cifra si aggira intorno a 7.0 mIU/ml. Nel caso di gravidanze gemellare, inoltre, i livelli possono essere notevolmente più elevati.
Ecco come variano i valori delle Beta HCG in relazione alle settimane di gravidanza:

Valori di Beta HCG in Gravidanza

Settimana di Gestazione Valore minimo (mU/ml) Valoremassimo (mU/ml)
1° Settimana 12 77
2° Settimana 45 1175
3° Settimana 330 10200
4° Settimana 2160 82640
5° Settimana 6225 181075
6° Settimana 15600 184000
7° Settimana 15125 199500
8° Settimana 24400 221400
9° Settimana 22075 227000
10° Settimana 21500 188925
11° Settimana 18525 182550
12° Settimana 24650 175775
13° Settimana 23425 181750
14° Settimana 21160 175305
15° Settimana 11475 124350
16° – 27° Settimana 4150 79350
28° Settimana 2535 68750

 

Beta HCG basso e alto

Valori Beta HCG

Se i valori Beta HCG nel sangue sono inferiori ai parametri standard durante le prime settimane di gravidanza, è necessario escludere alcune problematiche precise: un calo esponenziale nelle prime settimane potrebbe indicare un aborto spontaneo, mentre un mancato incremento segnala solitamente una gravidanza extrauterina.

Se in presenza di valori superiori a 1500 IU/L non è ancora visibile la camera gestazionale attraverso l’ecografia, invece, potrebbe essere in atto una gravidanza ectopica.

Anche un incremento eccessivo dei livelli dell’ormone della gravidanza può rappresentare un campanello d’allarme, un possibile sintomo di anomalie alla placenta come la mola gestazionale.

=> Scopri cosa è l’emocromo e come leggerlo

 

Se i valori sono elevati ma non viene effettivamente accertata la gravidanza attraverso la diagnosi ecografica, invece, è necessario escludere la presenza di cisti ovariche oppure considerare la possibile interazione con alcuni farmaci per la fertilità.

Beta HCG nell’uomo

A livelli contenuti l’ormone Beta HCG è rilevabile anche nel sangue maschile, così come nella donna non incinta. Anche nell’uomo valori ematici superiori alla norma potrebbero celare l’assunzione di farmaci mirati ad aumentare la fertilità, mentre sono considerati normali se compresi tra 0mIU e 5 IU/L.

Un incremento diventa invece sospetto e deve essere sempre indagato per diagnosticare alcune forme di tumore ai testicoli, tanto che monitorare i livelli di questo ormone anche durante la terapia rappresenta una strategia efficace per determinarne l’efficacia e individuare per tempo eventuali recidive.

18 luglio 2018
Lascia un commento