Bere tè e caffè in gravidanza riduce le dimensioni del neonato

Il e il caffè sono popolari bevande molto apprezzate per i loro benefici per la salute e per il loro gusto. In alcuni casi però si rivelerebbero piuttosto nocivi, almeno secondo quanto hanno affermato i ricercatori dello University College Dublin, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista The American Journal of Clinical Nutrition.

Secondo i ricercatori tè e caffè contribuirebbero, se consumati dalle future mamme durante la gravidanza, a ridurre le dimensioni dei neonati. Tale effetto nocivo non si verificherebbe però in tutti i casi, come affermano gli studiosi, ma soltanto in conseguenza di un consumo giornaliero di caffeina superiore ai 200 mg.

=> Leggi di più sul rischio autismo per i figli di madri esposte allo smog in gravidanza

In base ai dati raccolti su 941 madri irlandesi per ogni 100 grammi oltre tale quota si assisterebbe a una riduzione del peso corporeo del nascituro di circa 72 grammi, il che si tradurrebbe sia in una minore lunghezza che in una ridotta circonferenza del cranio. A capo dello studio il dottor Ling-Wei Chen, che ha dichiarato:

Sulla base dei dati che abbiamo osservato, e in considerazione del fatto che molte gravidanze non sono programmate, noi raccomandiamo alle donne che sono incinte o che provano a concepire di ridurre al minimo il loro consumo di prodotti contenenti caffeina come caffè e tè.

Un alto consumo di caffeina può tradursi in un ridotto flusso sanguigno nella placenta e di conseguenza influire sulla crescita del feto. La caffeina può inoltre attraversare la parete della placenta, e poiché lo smaltimento della caffeina rallenta durante la gravidanza, l’accumulo di caffeina può interessare anche i tessuti fetali.

=> Scopri i benefici dell’olio di pesce in gravidanza per la crescita dei bambini

Sul tema è intervenuto anche il dott. De-Kun Li, ricercatore presso il Kaiser Permanente Northern California di Oakland, che ha sottolineato l’importanza di non fare assoluto affidamento sui livelli consigliati:

Biologicamente è improbabile che 300 mg sia rischioso e 299 mg non lo sia. Il messaggio che preferisco inviare alle donne è che ‘il meno possibile è meglio’.

26 novembre 2018
Lascia un commento