Bere molta acqua ogni giorno sarebbe inutile. A sostenerlo un esperto USA e docente di Pediatria alla Indiana University School of Medicine, Aaron Carroll, che punta a sfatare quello che secondo lui rappresenta il principale “falso mito” dell’alimentazione. Gli 8 bicchieri al giorno consigliati dalla tradizione sarebbero frutto di un equivoco ormai consolidato e difficile da eliminare.

Secondo l’esperto alla base dell’equivoco la necessità, stabilita nel 1945 dal Food and Nutrition Board statunitense, di assumere un quantitativo minimo d’estate di 2,5 litri d’acqua al giorno. Il passaggio agli 8 bicchieri giornalieri sarebbe stato pressoché immediato, dando luogo secondo Aaron Carroll al falso mito. Un’imprecisione, come sottolinea l’esperto, in quanto:

Nella raccomandazione erano incluse anche le fonti di acqua contenute nei cibi. L’acqua è presente nella frutta, nella verdura, nel caffè, nel tè, nella birra, nel vino e nonostante io stesso raccomandi l’acqua come principale e migliore fonte di idratazione, non si può affermare che sia l’unica.

Non vi è alcuna raccomandazione formale su una quantità ideale giornaliera di acqua. Questa quantità differisce da quello che si mangia, dove si vive, dall’età e dalla propria attività.

Il pediatra statunitense conclude infine mettendo in dubbio anche i presunti effetti benefici di un’elevata assunzione d’acqua. Come ha spiegato Carroll:

La scienza non è mai riuscita a dimostrare che bere più acqua mantenga la pelle idratata e la faccia sembrare più sano e senza rughe. È vero che alcuni studi di coorte retrospettivi hanno rilevato benefici per la salute con un consumo più alto di acqua, ma ‘alto’ significa molto meno di 8 bicchieri al giorno.

26 agosto 2015
I vostri commenti
Mariella, mercoledì 26 agosto 2015 alle20:37 ha scritto: rispondi »

Potrebbe essere vero. Personalmente ho provato a bere un litro di acqua al giorno e mi sono semplicemente gonfiata nonostante non usi sale da cucina sui cibi.

Lascia un commento