Bere latte potrebbe non essere poi così salutare come si crede. A metterne in dubbio i benefici per le ossa e più in generale per la stessa salute dell’uomo sono i ricercatori svedesi della Uppsala University. Secondo quanto affermato dal gruppo diretto dal Prof. Karl Michaelsson la bevanda in realtà aumenta il rischio di fratture e ridurrebbe l’aspettativa di vita.

Lo studio svedese è stato condotto su 61.000 donne e 45.000 uomini durante un periodo di 20 anni. I risultati ottenuti hanno evidenziato un panorama piuttosto differente rispetto a quello che ci si sarebbe potuto attendere, a cominciare dall’assenza di alcun riduzione del rischio di fratture in coloro che consumavano le quantità maggiori di latte.

Le donne che consumavano più latte hanno mostrato al contrario, malgrado le generali rassicurazioni in merito ai benefici contro l’osteoporosi, una maggiore proporzione al generarsi di fratture ossee.

Coloro che assumevano ogni giorno 3 bicchieri, pari a circa di 680 ml, di latte presentavano inoltre il proprio tasso di mortalità raddoppiato rispetto a chi ne consumava soltanto uno. Secondo quanto ha affermato il Prof. Michaelsson, autore principale dello studio:

I nostri risultati possono mettere in dubbio la validità delle raccomandazioni riguardanti il consumo di elevate dosi di latte per la prevenzione delle fratture derivate da fragilità ossea. Un consumo superiore di latte nelle donne e negli uomini non è accompagnato da un ridotto rischio di fratture mentre può essere invece associato con un più elevato tasso di mortalità.

29 ottobre 2014
Fonte:
I vostri commenti
Angelo, giovedì 30 ottobre 2014 alle20:01 ha scritto: rispondi »

Silvano e Roberto avete ragione : per più di 50 anni ho assunto la media di un litro di latte e più al giorno ( bevuto freddo da frigorifero ), d'estate praticamente lo ingurgitavo come dissetante al posto dell'acqua ! ora ho 70 anni ed ne ho limitato il consumo anche per mantenere nei limiti l' LDL nel sangue.

Angelo, giovedì 30 ottobre 2014 alle20:01 ha scritto: rispondi »

Silvano e Roberto avete ragione : per più di 50 anni ho assunto la media di un litro di latte e più al giorno ( bevuto freddo da frigorifero ), d'estate praticamente lo ingurgitavo come dissetante al posto dell'acqua ! ora ho 70 anni ed ne ho limitato il consumo anche per mantenere nei limiti l' LDL nel sangue.

Silvano Ghezzo, giovedì 30 ottobre 2014 alle0:30 ha scritto: rispondi »

Sarà, ma ho il sospetto che tutte queste ricerche "tira e molla" sugli alimenti, nascondano scopi reconditi di condizionamento alimentare e sensazionalismo.

ROBERTO PACIOSELLI, mercoledì 29 ottobre 2014 alle20:24 ha scritto: rispondi »

scusate io non sono un professore universitario e quindi non posso giudicare questo studio anche se a mio parere si sta tentando di divulgare paura terrore come si può affermare che con un bicchiere di latte si campa di più che se ne beviamo tre bicchieri forse la correlazione che non si vuole spiegare è che chi beve tre bicchieri di latte prende anche una quantità di zucchero diversa da chi ne beve un bicchiere questo potrebbe avere un senso altrimenti non vedo correlazioni plausibili.

Lascia un commento