Belumbury Dany: l’auto elettrica tutta italiana

È un progetto tutto italiano la Belumbury Dany, nuova vettura elettrica presentata nelle scorse ore a Roma (presso lo stabilimento in cui nasce) alla presenza del ministro dell’Ambiente Corrado Clini, che ha avuto l’occasione di provarla direttamente su strada. Il modello nasce dalla collaborazione tra Belembury e l’Università di Camerino, che ha preso parte, insieme ai tecnici, ad alcune fase di progettazione della Dany fin dagli scorsi anni.

I fautori della nuova auto elettrica ci tengono a far sapere che il “know-how” dietro alla Dany è tutto italiano, sottolineando in un comunicato che l’autonomia raggiungerà circa 190 km in città impostando la modalità “eco” e si arriva a 150 km in modalità “race”, mentre i costi di gestione saranno particolarmente contenuti, tanto da essere necessari 2,50 euro per percorrere 200 km.

La ricarica completa sarà effettuabile anche da una comune presa elettrica domestica e durerà fino a 8 ore, ma questo tempo potrà essere dimezzato grazie a un accessorio venduto come optional rispetto alla dotazione di serie. Durante la presentazione della Belembury Dany ha parlato il ministro Corrado Clini, il quale, dopo aver provato la nuova vettura elettrica, ha spiegato:

Abbiamo la soluzione, ma ora bisogna pensare solo a come farla entrare nella normativa. I soldi risparmiati sul pieno comporteranno importanti riduzioni sull’importazione di petrolio. Le auto elettriche si integrano bene con la strategia urbana delle “smart cities”, anche se nel breve periodo è necessario sapere come si fa a incentivare e, per me, la cosa migliore è lavorare sulla leva dell’IVA.

Il ministro dell’Ambiente ha poi sottolineato che gli sforzi per nuove soluzioni a vantaggio della mobilità alternativa sono richiesti anche dall’Unione Europea, non dimenticando poi di evidenziare come la Belenbury Dany è nata dal lavoro e dalle idee di un gruppo di ingegneri di Roma, che sono stati in grado di progettare un veicolo al tempo stesso funzionale e sicuro, visto che ha superato tutte le prove richieste per l’omologazione, e dall’aspetto gradevole, o “glamour”, per usare le stesse parole di Clini.

Dopo l’esordio ufficiale presso la stampa, la Belumbury Dany arriverà sul mercato in un periodo che dovrebbe coincidere con la metà del 2013, a un prezzo di partenza pari a 19.975 euro per la versione con batterie a noleggio, mentre la versione con batterie di proprietà costerà 28.615 euro.

14 novembre 2012
Fonte:
I vostri commenti
Friko, sabato 16 marzo 2013 alle8:25 ha scritto: rispondi »

Io sonoun ecologista al 100%, ma chi comprerà mai come privato una machina che dovrebbe costare 10.000 € a quasi 30.000? Ridicolo!! Con la crisi poi che non si riesce a comprare nemmeno il pane...

gio, venerdì 15 marzo 2013 alle16:23 ha scritto: rispondi »

economicamente un gioco al massacro...

giorgio, venerdì 15 marzo 2013 alle16:22 ha scritto: rispondi »

ma hanno calcolato bene il costo....!

ospite, giovedì 15 novembre 2012 alle17:46 ha scritto: rispondi »

E' piccola e costa ancora molto anche c'è tutta la soddisfazione di essere italiana

Lascia un commento