Un gruppo di giovani alle prese con un momento di svago nei presi del St. Lawrence River, in Canada, si è imbattuto nel ritrovamento di un piccolo cucciolo smarrito. L’animale, un esemplare di beluga, è apparso spaesato poiché lontano dalla madre. Probabilmente nato da poche ore, è finito vicino alla riva incagliandosi e ritrovandosi in difficoltà. I ragazzi non si sono persi d’animo, mettendosi all’opera per salvare la vita del cucciolo, una femmina. Dopo aver creato un piccolo buco nel terreno vi hanno deposto il beluga, così da mantenere il suo corpo sempre idratato. Raccogliendo quindi acqua con un secchio per bagnare l’animale ogni cinque minuti.

A causa della bassa marea, la possibilità di mantenere in vita il piccolo sembrava sempre più esile, ma i ragazzini non hanno perso la speranza lavorando alacremente intorno all’animale. In attesa dell’arrivo dei soccorsi, chiamati tempestivamente, che sono accorsi sul posto per dare supporto ai presenti e stabilizzare le condizioni del beluga. Dopo le visite di rito il piccolo è stato preso in cura dai ricercatori del Group for Research and Education on Marine Mammals (GREMM), che lo hanno accompagnato in acqua dirigendolo verso un branco di simili fermo nei paraggi. La speranza del team è quella di poter ricongiungere il neonato con la madre, oppure di creare una connessione con altre femmine del branco così da favorire la sua adozione.

Le madri allattano i piccoli per i primi due anni di vita e, per questo motivo, è fondamentale garantire una nuova figura materna al piccolo disperso. Per il momento la situazione viene monitorata da terra e sempre abbastanza stabile, anche se nessuna delle femmine ha ancora deciso di accoglierlo e nutrirlo. Non si conosce l’esito della vicenda ma la sua sopravvivenza è di vitale importanza, in particolare in una zona come quella del St. Lawrence River dove un tempo gli esemplari era presenti in numero abbondante. Mentre attualmente i capi si sono ridotti a 900 unità, minacciate dalla presenza dell’uomo e dall’inquinamento.

7 luglio 2016
Fonte:
Lascia un commento