Batterie dal legno per renderle eco-sostenibili. Questa l’idea proposta di alcuni ricercatori della University of Maryland, una proposta semplice nella sua concezione, utilizzare una scaglia di legno rivestita di stagno, ma che potrebbe portare notevoli vantaggi all’ambiente grazie all’abbandono come componente interno del litio in favore del sodio.

Un sottile strato di legno sarà la base di queste batterie, che al loro interno reagiranno sfruttando una soluzione di ioni di sodio anziché di litio. Un procedimento che sfrutta le proprietà della struttura del materiale, come sottolinea, la Dr. Hongli Zhu, ricercatrice presso il University of Maryland Energy Research Center e prima firmataria del progetto:

L’ispirazione dietro l’idea che abbiamo presentato è venuta dagli alberi. Le fibre di legno rendono l’albero in grado di trattenere acqua ricca di sali minerali, il che è l’ideale per stoccare soluzioni liquide di elettroliti, che altro non sono che una parte attiva di una batteria.

Ancora una volta la tecnologia mostra quindi di svilupparsi prendendo “nuovi spunti” dai meccanismi già efficienti presenti in natura. Il nuovo accumulatore sarebbe inoltre già in grado di assicurare il completamento con successo di 400 cicli di carica/scarica e sfrutterebbe al meglio le sue potenzialità, concludono i ricercatori, se utilizzato in larga scala per l’alimentazione di parchi eolici o fotovoltaici.

20 giugno 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento