Bmw e Toyota starebbero collaborando a un progetto per la ricerca di soluzioni da implementare sulle batterie al litio di nuova generazione. Secondo voci non ancora confermate in via ufficiale, andrebbero ad equipaggiare i prossimi modelli elettrici pronti al debutto nei prossimi anni secondo i piani dei due costruttori.

Il tentativo di unire le forze tra Bmw e Toyota sarebbe frutto della necessità, sentita praticamente da tutti i costruttori impegnati con leauto elettriche, di rendere più economica ed efficiente la componente batterie, in modo da diminuire i costi di produzione e abbassare di conseguenza i prezzi al pubblico di questi modelli. Esigenza sentita soprattutto in questo periodo di crisi economica, che ha visto proprio il mercato dell’auto come uno dei settori più penalizzati.

A ciò si aggiunge la necessità di diminuire il peso del pacco batterie installato a bordo dei modelli attuali, che costituisce effettivamente una sorta di zavorra (in tutti sensi) sul mercato per queste vetture a zero emissioni: questi veicoli pagano qualcosa, sotto questo aspetto, agli analoghi modelli alimentati con motori endotermici tradizionali.

Tornando alla probabile partnership tra Bmw e Toyota di cui si parla in queste ore, va ricordato come da questa unione potrebbero arrivare significativi vantaggi per l’intero comparto: il marchio giapponese è uno dei pochi a poter vantare un’esperienza pluriennale nel campo dei veicoli a basso impatto ambientale, mentre Bmw potrebbe mettere a frutto questa esperienza nei segmenti più alti del mercato, gli stessi in cui storicamente si pone come uno dei marchi più apprezzati.

L’obiettivo di questa collaborazione, pertanto, sarebbe quello di fornire batterie più efficienti, capaci di assicurare maggiore autonomia, nonché più economiche da produrre e da vendere, cercando in tal modo di incentivare la diffusione dell’alimentazione elettrica anche sui modelli più costosi.

.

2 dicembre 2011
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento