“Ma il mare non vale una cicca”? Questa è la domanda che muove la nuova campagna di sensibilizzazione targata Marevivo e JTI. Obiettivo combattere contro i rifiuti lasciati a riva dai bagnanti e, in special modo, i mozziconi di sigaretta.

Ogni giorno, infatti, vengono abbandonati sulle spiagge italiane centinaia di migliaia di cicche e i mozziconi contribuiscono a ben il 40% di tutto l’inquinamento solido marino (ben più delle bottiglie di plastica). E ci mettono ben 5 anni a biodegradarsi.

L’iniziativa verrà portata avanti da mille volontari di Marevivo, che il 6 e il 7 agosto porteranno in giro per le coste italiana – anche in gommone – vari posacenere tascabili riutilizzabili, insieme a un piccolo manuale del bagnante ecologico e rispettoso. La distribuzione dovrebbe ottenere per lo meno lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica a un problema anche troppo sottovalutato.

Come ben spiegato da Carmen di Penta, direttore generale di Marevivo:

Le tracce che lasciamo sulla spiaggia non si cancellano con le onde e con il vento, alcune rimangono per decine, centinaia o migliaia di anni o addirittura non scompaiono mai”.

Madrina dell’iniziativa l’attrice Margherita Buy.

28 luglio 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento