Bassotto randagio raggira l’accalappiacani

Piccolo e dalle zampette corte, ma non per questo meno veloce e agile. Stiamo parlando di un bassotto randagio che si aggira per le strade di Gaston, negli Stati Uniti, e che da tempo riesce a eludere l’accalappiacani. Il cagnolino marrone proprio non ne vuole sapere di finire in canile: la strada è così bella, la sua dimora vicino al cinema locale gli permette di trovare sempre ottime leccornie e la libertà è molto più allettante di una famiglia adottiva.

Pare si tratti di un esemplare di sesso femminile, sebbene di certezze non ve ne siano, e da diverso tempo si aggira nei dintorni del Regal Cinema di Gaston. Appare molto timida nel contatto con gli umani e, quindi, è praticamente impossibile avvicinarla. Gli ufficiali del Gaston County Animal Control hanno fatto davvero di tutto per catturare questo bassotto, ma tra piccole feritoie nei muri, siepi folte e un vicino parco, la cagnolina ha sempre trovato una via di fuga.

Si ipotizza, però, che il cane sia diventato randagio solo in tempi recenti. La cagnolina è infatti molto pretenziosa in fatto di cibo: in molti hanno tentato di lasciarle biscottini, ossa da rosicchiare, crocchette, ma la furba bassotta sembra gradire solo alcune pappe di una nota marca particolarmente costosa. Nessuno in zona ne ha però reclamato la scomparsa, quindi il randagio potrebbe essere stato vittima di un abbandono.

Sono già in tante le famiglie che si sono proposte per un’adozione – l’animale è effettivamente bellissimo e molto simpatico – ma gli accalappiacani non sanno più che strada intraprendere. Rimane solo la via del tranquillante sparato a distanza, ma gli esperti sono restii perché la taglia piccola non permette di elaborare la giusta dose del farmaco e l’operazione potrebbe portare alla morte della cucciola. L’unica speranza è che l’animale si affezioni a uno dei tanti volontari che ogni giorno cercano di attirare le sue attenzioni, affinché possa essere catturato e consegnato alla sua nuova famiglia adottiva.

15 novembre 2012
Fonte:
Lascia un commento