Temerario nonostante la giovane età, a soli 11 anni Jean Fernandes si è gettato nel traffico delirante per salvare un piccolo meticcio appena investito. Il cane, travolto da un’automobile, era rimasto immobile sulla carreggiata, mentre il colpevole si allontanava indisturbato. Il piccolo ragazzino non ha esitato un secondo è si è lanciato tra le vetture che viaggiavano in senso opposto alla sua marcia, per trarre in salvo il piccolo impaurito.

A riportare la notizia il sito brasiliano Guarda-Sol e la rivista Globo Rural, che hanno dato rilevanza alla vicenda accaduta nella città brasiliana di Itajaí. Come sostiene la madre del ragazzo, Rubia Liliana Rose, suo figlio possiede una particolare predisposizione per il mondo animale. Ama gli esseri più deboli e soli e spesso recupera e salva cani randagi dalla strada. La sua è una scelta consapevole, in un territorio dove gli animali sono spesso vittime di malnutrizione e maltrattamenti mortali.

La vicenda, immortalata dalla fotografa Rafaela Martins, ha trovato spazio sulla pagina Facebook di News Agency of Animal Rights. La storia ha catalizzato subito molta attenzione, portando alla ribalta il gesto caritatevole che si è concluso positivamente per l’animale. Il cane ribattezzato Mel, in portoghese miele, è stato subito condotto presso un centro veterinario locale. Il soccorso positivo fa ben sperare per la sua salute, anche se i veterinari lo stanno ancora seguendo.

Come mostrano le immagini catturate dalla fotografa, il cagnolino si è subito molto legato al bambino, a cui è riconoscente per il gesto caritatevole. Il recupero dopo un investimento non è prassi in molte zone del Brasile, spesso i cani giacciono sulle carreggiate oppure a bordo strada. Senza nessun tipo di soccorso e aiuto, fino al sopraggiungere della morte tra atroci sofferenze.

18 dicembre 2013
I vostri commenti
Piero , domenica 19 gennaio 2014 alle11:07 ha scritto: rispondi »

Un ringraziamento da parte di tutti noi per il caritatevole gesto fatto da Jean Fernandes, specialmente in un contesto ambientale come quello dove e' successo il fatto. Tutta la mia stima rispetto e apprezzamento per il gesto, esteso anche alla famiglia che ha sicuramente dato la giusta educazione. Un saluto Piero

Pippo, venerdì 27 dicembre 2013 alle13:48 ha scritto: rispondi »

Mi sta bene la prima parte della tua mail. Non mi sta bene il seguito. Se si è riportata la notizia vuol dire che il comportamento del bambino è stato veramente eccezionale, coraggioso e da evidenziare. Non penso che sia normale che un ragazzino di 11 anni si butti in mezzo al traffico per salvare un animale, un uomo o chicchessia...

Alessandro, mercoledì 18 dicembre 2013 alle20:30 ha scritto: rispondi »

Non una riga scritta per quello stronzo che ha investito il cane e se ne è fregato. Ma oramai è la normalità investire animali e persone e andarsene. Ne parla tanto bene anche la tv ! Viva la pirateria della strada che ti permette di apparire (se ti beccano). Che cazzo vuol dire che il bamabino ha una particolare sensibilità ed altre cazzate varie? Quel bambino è una persona normalmente sana di mente. Sono quelli che si comportano in maniera diversa che sono dei pezzi di merda e che andrebbero presi a randellate. Cazzo, ora stò bene.

Lascia un commento