Arsenico nel riso per bambini: allarme lanciato dall’Inghilterra

I prodotti a base di riso spesso vengono utilizzati per lo svezzamento dei bambini. Si tratta di pappine appositamente confezionate e vendute nei supermercati che vengono consumate dai più piccoli per abituarsi a lasciare il latte materno e mangiare qualcosa di solido.

Desta perciò preoccupazione il fatto che dei test effettuati in Inghilterra per la trasmissione Food Unwrapped di Channel 4, su 26 prodotti a base di riso venduti nell’ambito dell’Unione Europea, abbiano dimostrato che questi cibi contengono dei livelli di arsenico superiori a quelli consentiti.

Gli esperti chiariscono che anche delle piccole concentrazioni di arsenico potrebbero avere delle ripercussioni sulla crescita dei bambini. In particolare sono stati riscontrati degli effetti negativi sullo sviluppo del sistema immunitario e sul quoziente intellettivo.

Ecco perché è stata richiesta l’applicazione di etichette molto più chiare su questi prodotti utilizzati per lo svezzamento dei bambini. Un portavoce dell’Agenzia per gli standard alimentari ha fatto presente:

L’arsenico è presente in natura e nell’ambiente e non è possibile eliminarlo completamente dalla dieta. Tuttavia, poiché potrebbe aumentare il rischio di alcune malattie, è importante ridurre l’esposizione al livello più basso che si può ottenere.

In particolare il riso è soggetto ad una maggiore esposizione, perché viene coltivato nei campi allagati, in cui le tracce di arsenico raggiungono livelli particolarmente elevati.

=> Scopri perché i bambini che crescono nelle aree verdi vanno meglio a scuola

Secondo il portavoce dell’Agenzia per gli standard alimentari, la responsabilità per l’arsenico nei prodotti a base di riso utilizzati per l’alimentazione dei bambini ricade direttamente sui produttori, che devono assicurarsi di utilizzare ingredienti in conformità con ciò che impone la legge.

Proprio per questo motivo gli esperti affermano che occorrerebbero più controlli, in modo da agire con un’accurata opera di prevenzione e limitare i rischi per i più piccoli. Inoltre gli studiosi che hanno analizzato il caso propongono anche dei rimedi per cercare di difendersi in maniera appropriata, raccomandando ai genitori di limitare le pappe a base di riso a soli 30 grammi al giorno.

24 ottobre 2018
Lascia un commento