Balanite: cause e rimedi

Può manifestarsi anche nell’infanzia ma a soffrirne sono soprattutto gli adulti di sesso maschile: la balanite è un’infiammazione della parte superiore del glande, disturbo che dà origine a irritazione, arrossamento e fastidio e che richiede molta attenzione sia per quanto riguarda l’igiene delle parti intime, sia neii rapporti sessuali che potrebbero favorire la trasmissione dei batteri responsabili della floglosi.

=> Scopri l’incontinenza urinaria maschile

Cos’è la balanite

Si tratta infatti di una infiammazione che spesso è generata da una malattia sessualmente trasmissibile, come la candida, ma questa modalità non rappresenta l’unica causa. Se il disturbo resta circoscritto al glande si parla appunto di balanite, mentre se a essere coinvolto è anche il prepuzio si parla generalmente di balanopostite. Per quanto riguarda i fattori di rischio, inoltre, alcuni studi scientifici sembrano sottolineare un aumento dell’incidenza di questi disturbi negli uomini che hanno subito la circoncisione, soprattutto se affetti anche dal diabete.

Sintomi e cause

Igiene

Accorgersi di essere affetti da balanite è abbastanza semplice: si nota un gonfiore accompagnato da irritazione in corrispondenza del glande ma possono manifestarsi anche prurito con eritema, bruciore durante la minzione, sanguinamento. In alcuni casi possono comparire vere e proprie ulcere che oltre a generare un odore sgradevole rilasciano una secrezione chiara e biancastra. Non è raro che l’infiammazione causi anche un aumento di volume dei linfonodi inguinali.

=> Scopri l’alimentazione per la fertilità maschile

Non esiste un’unica causa scatenante della balanite, sebbene a generare l’infiammazione sia spesso un’igiene intima poco accurata che porta all’accumulo di smegma sotto il prepuzio, una sostanza che porta all’irritazione delle mucose locali.  Il disturbo può inoltre essere favorito da altri fattori:

  • infezioni di origine batterica o fungina, come la candida, che si manifestano anche in corrispondenza di cure antibiotiche o di un abbassamento delle difese immunitarie;
  • malattie a trasmissione sessuale, come la sifilide o l’herpes genitale;
  • l’uso di detergenti intimi eccessivamente aggressivi che causano dermatiti locali;
  • allergie ad alcuni farmaci o al lattice dei preservativi;
  • psoriasi, Lichen o altre malattie della pelle.

Balanite: cura e rimedi naturali

Farmaci

Per ottenere una corretta diagnosi di balanite è necessario sottoporsi a una accurata visita medica, soprattutto perché le indicazioni relative alla cura variano in funzione della causa scatenante di questa fastidiosa infiammazione. La terapia che solitamente viene prescritta si basa sull’utilizzo di preparati topici come creme antibiotiche, antimicotiche o antinfiammatorie, tenendo conto dell’origine batterica o fungina dell’irritazione. È anche possibile che il medico consigli di adoperare leggeri cortisonici per lenire immediatamente il prurito e, contemporaneamente, sfiammare la zona interessata.

Più che tentare rimedi naturali per risolvere il problema, infine, è importante non trascurare alcune regole comportamentali che aiutano a curare l’infiammazione in tempi brevi:

  • l’igiene intima di ogni giorno deve essere scrupolosa e deve prevedere l’uso di detergenti adatti alla zona da trattare;
  • è fondamentale evitare di toccare le parti intime con le mani sporche, provvedendo a un accurato lavaggio prima di qualsiasi attività;
  • è sconsigliato avere rapporti sessuali durante il periodo di infiammazione, sia perché potrebbero rallentare la guarigione e irritare maggiormente sia perché si potrebbe contagiare il partner qualora la balanite sia provocata da una malattia sessualmente trasmissibile.

9 marzo 2018
Lascia un commento