Il cane di razza Labrador Zena deve la sua vita al soccorso da parte di una bagnante, intervenuta con la respirazione bocca a bocca. La cagnolona, che stava nuotando nel lago di un parco per cani a Tampa in Florida, ha improvvisamente smesso di respirare. Una piccola folla si è subito radunata intorno al cane, mentre due persone hanno attivato i primissimi soccorsi compreso un massaggio cardiaco. Una vera lotta contro il tempo per tenere l’amato cane in vita, per sfuggire alla morte e alla sofferenza. I presenti hanno potuto assistere a un momento di grande concitazione con la proprietaria che spronava Zena a non abbandonare la vita, continuando imperterrita nel massaggio cardiaco.

Ma Zena deve tutto alla forza d’animo di una seconda donna che, con grande tempismo, ha messo in pratica la respirazione bocca a bocca soffiando aria nei polmoni del cane stesso. Un atto provvidenziale e importante che ha strappato l’animale al buio per riportarlo sulla spiaggia, tra le braccia e l’amore dei suoi proprietari. Il cane si è quindi seduto sulla sabbia, ancora un po’ frastornato, sotto l’occhio vigile dei suoi soccorritori. La gioia ha preso il sopravvento e il piccolo gruppo di folla con cani ha celebrato con entusiasmo la ripresa di Zena, con i ringraziamenti da parte della proprietaria.

Tra i testimoni presenti un avventore della spiaggia ha ripreso tutti i momenti concitati del salvataggio, per poi tradurli in un video e pubblicarlo su YouTube. Sul posto è intervenuta anche la squadra dei soccorsi che ha controllato le condizioni del cane, prestando le ultime cure prima della ripresa completa. Non sono note le dinamiche dell’accaduto, se Zena sia svenuta o semplicemente abbia avuto un malore che la stava facendo affogare. Di sicuro se non fossero intervenuti con la respirazione bocca a bocca, o “bacio della vita” come viene chiamato in America, la povera piccola forse non sarebbe sopravvissuta.

17 luglio 2015
Fonte:
Lascia un commento