Bacche di Aronia: proprietà e benefici

È uno dei super-food che sta attirando maggiormente le curiosità dei consumatori, un fatto dovuto alle sue incredibili proprietà nutrizionali: le bacche di Aronia conquistano sempre più estimatori. Benefiche per l’organismo, e già da tempo uno degli ingredienti maggiormente frequenti nelle diete vegetariane e vegane, oggi trovano i favori anche di chi segue stili alimentari più classici. Ma quali sono le caratteristiche di questi frutti, quali le proprietà e, ancora, quali i benefici?

Come di consuetudine, prima di inserire un nuovo alimento nelle proprie consuetudini alimentari, si consiglia di vagliare il parere del medico curante e del nutrizionista, per verificare possa adattarsi alla propria dieta. Ancora, è bene valutare eventuali condizioni, pregresse o in corso, che potrebbero non essere compatibili con l’assunzione. Le informazioni di seguito riportate hanno quindi un carattere illustrativo.

Bacche di Aronia: cosa sono?

Aronia

Per Aronia si intende un genere botanico di piante appartenente alla sottofamiglia delle Maloidee, quest’ultima appartenente a sua volta alle Rosacee. Le varietà più diffuse sono quelle dell’Aronia arbutifolia e dell’Aronia melanocarpa e il loro impiego è principalmente noto per i frutti, delle bacche disponibili sia di colore nero che rosso.

=> Scopri i benefici delle bacche di Goji


Le piante hanno solitamente un portamento arbustivo o cespuglioso, caratterizzato da molteplici rami e da foglie ovali allungate, di intenso e lucido colore verde. Il vegetale, originario del Nord America e giunto in Europa agli inizi del ‘900, ben si adatta a climi anche rigidi, rendendone abbastanza semplice la coltivazione. A essere interessanti sono però i già citati frutti, delle bacche di colore rosso oppure nero. Dalla dimensione di circa un pisello, e spesso avvolte da un sottile strato di cera, ricordano alla lontana alcuni frutti di bosco. Dal sapore mediamente aspro, sono pronti per la raccolta in autunno e possono essere conservati freschi, impiegati come ingredienti per marmellate, ricavarne succhi o essiccarli per una disponibilità più prolungata nel tempo. Da queste bacche, inoltre, possono essere ricavati anche dei coloranti naturali, sia per uso alimentare che per altri scopi. Negli ultimi anni, soprattutto sulla grande distribuzione, sono giunti preparati per tisane e bevande benefiche contenenti estratti di questi frutti.

Bacche di Aronia: proprietà e benefici

Aronia

Come accennato in apertura, le bacche di Aronia sono considerate in tutto il mondo un super-food. Questa peculiarità è dovuta principalmente all’elevatissimo contenuto di antociani, circa 1,480 grammi per 100 di peso, un fatto che rende questi frutti quelli con la maggiore concentrazione al mondo. Le bacche, inoltre, sono ricchissime di vitamine dei gruppi C e K, quindi di sali minerali, polifenoli, flavonoidi e molto altro ancora. Sono però un cibo particolarmente calorico, circa 375 kcal per 100 grammi di peso, anche se difficilmente se ne consumeranno quantità così elevate in un singolo pasto.

=> Scopri quali sono gli antiossidanti naturali


Dal punto di vista delle vitamine, le bacche di Aronia possono essere considerate uno dei migliori cibi antiossidanti: oltre a rafforzare il sistema immunitario, contrastano l’azione dei radicali liberi, frenando l’invecchiamento cellulare. Una caratteristica che si manifesta non solo a livello di organismo interno, con tessuti meno attaccati dal passare del tempo, ma anche all’esterno poiché questi elementi contribuiscono al benessere e alla giovinezza di pelle e capelli.

L’elevato contenuto in fibre incentiva il benessere dell’intestino, stimolandone il transito, al contempo regolando l’assorbimento degli zuccheri in eccesso, migliorando la pressione sanguigna e proteggendo il cuore. Ricche anche di calcio, queste bacche rappresentano un alleato ideale per la salute delle ossa, che potranno così essere rinforzate e protette contro i malanni del tempo in modo del tutto naturale. Ancora, antociani e flavonoidi contribuiscono a limitare le infezioni, rappresentano una linea di difesa contro gli attacchi da agenti esterni e possono, seppur in modo indiretto, aiutare la regolazione dei cicli ormonali. I frutti sono disponibili sia freschi che essiccati, nonché impiegati negli integratori, sui banchi della grande distribuzione o nei negozi specializzati in alimentazione prettamente biologica.

18 novembre 2018
Immagini:
Lascia un commento