Il periodo che stiamo vivendo sembra preannunciare la possibilità di un’imminente rivoluzione energetica. I consumi e il fabbisogno energetico appaiano in continua crescita, le fonti tradizionali di energia volgono verso l’esaurimento e le loro alternative, le fonti rinnovabili o il nucleare, sono tutte osservate con lente critica: per dei limiti tecnologici ancora non superati le prime, per il pericolo intrinseco al proprio funzionamento il secondo.

L’enorme interesse verso gli esperimenti di Andrea Rossi e del suo E-Cat si spiega forse anche in questa maniera, così come il moltiplicarsi di offerte energetiche e di investimenti, spesso ingenti, in settori che fino a poco tempo fa si sarebbero detti di nicchia: dal solare a concentrazione alla fusione nucleare.

Tra le aziende impegnate nel nostro Paese a offrire a noi utenti scappatoie alle due crisi incombenti – quella economica e quella energetica – una menzione particolare merita probabilmente Officinae Verdi. Nate a partire da un partenariato fra WWF e Unicredit, permettono a chiunque di noi fosse interessato di approntare i lavori per rendere davvero efficienti le nostre abitazioni.

Il prodotto di punta si chiama Energy Kit Ø, ovvero il kit per avere energia a chilometro 0. Per il momento sarà distribuito solo su 3 regioni, ma come testimoniano le parole di Paolo Fiorentino di Unicredit, l’obiettivo è arrivare quanto prima a una diffusione capillare in tutto il Paese:

Questo è per noi un passo importante nella logica di offrire attraverso Officinae Verdi delle soluzioni concrete alle famiglie e alle imprese in termini di energie rinnovabili, efficienza energetica e riduzione delle emissioni di CO2. Per questo abbiamo deciso di avviare anche attraverso la nostra rete un percorso di sensibilizzazione su questi prodotti, partiamo ora in 3 regioni, Lazio Abruzzo e Sardegna, per poi estenderlo a partire da marzo a tutto il territorio nazionale.

Nel particolare, si tratta di un insieme di prodotti energetici riuniti in un solo kit: dai pannelli fotovoltaici, a pompe di calore a alta efficienza. La promessa di risparmio, che dipende da tanti fattori, arriva a percentuali pari anche all’80% degli attuali costi energetici. Lo schema seguente chiarirà meglio i dettagli:

risparmio con EKO


Infine, come è facile immaginare, Unicredit si preoccupa di finanziare tutto anche del 100%. Il rientro medio dell’investimento iniziale lo si ha già a partire dal settimo anno. Insomma, in tempi di crisi, investire sul fronte energetico sembra uno dei campi più redditizi. Quella di EKØ appare dunque un buona offerta, da confrontare comunque con quelle degli innumerevoli competitor che ormai si stanno affollando sul mercato. Che sia iniziata davvero una piccola rivoluzione energetica?

19 dicembre 2011
In questa pagina si parla di:
wwf
Lascia un commento