La corsa alla realizzazione dell’auto senza conducente si sta trasformando in una vera e propria guerra tra le case automobilistiche. Mentre la maggior parte dei produttori individuano come l’anno 2020 quello in cui verosimilmente arriverà la prima auto che si guida da sola, Toyota vuol battere tutti sul tempo e promette l’entrata in commercio del suo primo modello entro il 2018.

Anzi, per la precisione la casa nipponica ha individuato come “metà anni 2010″ come il periodo più indicato, ma i massimi esponenti hanno poi precisato che ci vorranno circa 5 anni per vedere una Toyota autonoma su strada. La caratteristica principale del modello autonomo Toyota è stata battezzata “Automated Highway Driving Assist”, o AHDA, che significa assistente automatico alla guida in autostrada, e consiste in due funzionalità: controllo della velocità e controllo del tracciato.

Il cosiddetto “Adaptive Cruise Control” è già in produzione da qualche anno e utilizza radar e telecamere stereoscopiche per controllare la velocità dell’auto in caso di traffico intenso.

Questo sistema entra in azione quando ritiene che il conducente sta guidando troppo velocemente rispetto ai limiti di velocità o in base alla distanza di sicurezza da tenere in base al traffico. Di conseguenza rallenta l’auto. Nell’eventualità di distrazioni o altri problemi alla guida è anche in grado di frenare per evitare incidenti.

Il “Lane Trace Control” invece si occupa di controllare che si stia mantenendo la carreggiata durante la guida. I radar e le telecamere gestiscono lo sterzo e agiscono per evitare che l’automobile finisca fuori dalla propria corsia. Anche questa tecnologia è già in uso oggi sulla Mercedes Benz Classe S.

Inoltre Toyota ha intenzione di aggiungere a queste due tecnologie anche una terza chiamata “Pedestrian-avoidance Steer Assist”, la quale di fatto riconosce i pedoni ed evita l’impatto nel caso in cui questi decidano di attraversare la strada.

Ogni volta che un pedone attraversa la strada, il sistema invia segnali visivi e acustici al conducente. Se non c’è una reazione immediata il sistema blocca automaticamente l’auto. Quest’ultima invenzione della Toyota dovrebbe essere disponibile già entro il 2015.

11 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento