L’arrivo di Volvo Polestar 1 potrebbe segnare un nuovo interessante capitolo per il segmento delle auto ibride e non solo. Se confermata, l’autonomia di cui disporrebbe la nuova nata svedese potrebbe renderla una vettura da tenere sott’occhio anche sul versante “zero emissioni”: in modalità 100% elettrica la “Stella polare” garantirebbe circa 150 km. Non una percorrenza record confrontandola con i modelli di punta del settore auto elettriche, ma piuttosto degno di nota tra le ibride.

=> Leggi le novità sulle elettriche Volvo attese per il 2019

Volvo Polestar 1 è presentata come una coupé ibrida plug-in a elevate prestazioni ed è stata svelata al pubblico questa settimana a Shanghai. Farà parte del brand Polestar, che comprenderà diverse vetture a ridotto impatto ambientale e un SUV 100% elettrico. La potenza combinata della “numero 1″ è di 600 hp, mentre la sua produzione è prevista in Cina e vedrà la vettura arrivare sui mercati mondiali intorno alla metà del 2019.

=> Leggi perché Volvo offrirà una versione ibrida per ogni suo modello

Malgrado l’intenzione di Volvo di concorrere anche nel settore elettrico già coperto dalla linea “i” di BMW e da Tesla, le cui vendite viaggiano tra i 75 mila e i 100 mila veicoli all’anno, l’avvio di produzione di questa “ibrida” potrebbe frenare almeno inizialmente le velleità svedesi: i piani della compagnia sono di produrre 500 unità all’anno di Polestar 1, traguardo che verrà presumibilmente raggiunto nel 2020 una volta che la produzione sarà in grado di procedere a pieno regime.

La battaglia però è appena cominciata secondo i vertici svedesi, che punteranno forte sul segmento delle auto elettriche, quindi in piena rivalità con BMW i e Tesla, una volta che saranno sbarcati sul mercato i successivi modelli Polestar: Polestar 2 e Polestar 3, rispettivamente una compatta zero emissioni attesa per fine 2019 e un SUV sport 100% electrico atteso per il 2021.

19 ottobre 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
renzo, venerdì 20 ottobre 2017 alle19:21 ha scritto: rispondi »

eccfo! giusto una mezza stufa da 500 pezzi all'anno! nel 2019/20 queste soluzioni non hanno più senso, visto che circoleranno alcuni modelli SOLO ELETTRICI, con autonomie reali, ben al di sopra dei 500 km. senza dimenticare che fra due anni le colonnine SUPER-FAST, saranno già ben dislocate sul territorio (tranne in itaglia, certo).

Lascia un commento