Al Salone di Francoforte Toyota ha presentato C-HR Hy-Power Concept, una delle auto ibride della casa nipponica, che si caratterizza per il suo guardare al futuro in maniera molto particolare. Una possibilità in più per provare a promuovere la mobilità sostenibile.

L’idea è stata quella di migliorare le performance rese dalla versione dell’attuale C-HR. Anche se non sappiamo di preciso quali sono i dettagli di questa evoluzione della tecnologia ibrida presentata da Toyota, l’azienda assicura di disporre dei fattori giusti per garantire una guida migliore.

E non si tratta soltanto dei meccanismi che fanno muovere il veicolo. I designer della C-HR Hy-Power Concept hanno puntato anche sugli effetti estetici. Basti pensare ad esempio alla conformazione dell’auto che è ispirata in tutto e per tutto al tema del diamante, alla formazione della pietra preziosa a partire dal carbonio.

Le forme scolpite dal veicolo vengono sottolineate dalla tinta utilizzata per la carrozzeria, Dark Carbon. E poi ancora gli accenti arancio scuro sui montanti, all’interno della griglia e sui fari anteriori. Non passa nemmeno inosservato il tetto: nella parte posteriore è nero e in quella anteriore un arancio brillante. Lo stesso mix di colori risulta all’interno dell’abitacolo: i sedili sono neri e le cuciture del loro rivestimento arancioni a forma di diamante.

La promessa di Toyota è quella di svelare i dettagli dell’evoluzione della tecnologia ibrida utilizzata già a partire dal prossimo anno. Nel frattempo possiamo accettare la sfida di pensare al tema della mobilità ecosostenibile attraverso la riduzione delle emissioni nocive.

15 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
queffe, venerdì 15 settembre 2017 alle15:17 ha scritto: rispondi »

Ma perché continuiamo a ingannarci sulle ibride stile Toyota? Come si può parlare di riduzione di emissioni nocive, se si carica la batteria col motore termico? Fatto il prodotto fra rendimento del motore termico e quello del motore elettrico si arriva a un rendimento decisamente penoso. E l'inquinamento è peggiore proprio a causa dello scarso rendimento. Hanno senso solo le pure elettriche o le ibride plug-in, ma solo se caricate con le rinnovabili, altrimenti è tutta una frottola.

Lascia un commento