Toyota ha appena annunciato di aver raggiunto e superato quota 8 milioni di automobili ibride vendute in tutto il mondo dal lontano 1997, anno d’esordio sul mercato giapponese della Toyota Prius di prima generazione.

Il nuovo traguardo è stato centrato lo scorso 31 luglio ed assume un valore molto significativo se si pensa agli enormi cambiamenti avvenuti per quanto concerne le abitudini degli automobilisti. Tuttavia, il dato assume un valore ancora più evidente se si considera che è giunto a meno di un anno di distanza dal precedente obiettivo, ovvero la distribuzione in tutto il mondo di 7 milioni di auto ibride festeggiata lo scorso ottobre.

In poco più di dieci mesi quindi Toyota è riuscita a distribuire in tutti i mercati globali in cui è presente (90 Paesi in tutto) un milione di vetture con doppio motore, a conferma di come le tendenze del settore vadano premiando sempre di più le tecnologie per la propulsione alternativa e il marchio giapponese in particolare, uno dei pionieri in questo campo.

La gamma ibrida Toyota offre al momento una trentina di modelli variabili in rapporto al mercato di riferimento e ha consentito, secondo alcune stime diffuse dallo stesso costruttore, di ridurre le emissioni di CO2 di 58 milioni di tonnellate, con un risparmio di benzina comparabile alla quantità necessaria per percorrere 22 milioni di chilometri.

La propulsione ibrida si conferma così ancora una volta una delle soluzioni più valide tra quelle alternative all’alimentazione a benzina o diesel, dimostrandosi al tempo stesso in grado di attirare l’interesse del pubblico nonostante le ipotesi di chi vede elettrico e idrogeno destinati a crescere sensibilmente nei prossimi anni.

25 agosto 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento