Auto ibride: quali agevolazioni nelle varie Regioni e città

Scegliere un’auto ibrida è un buon modo per muoversi in modo più rispettoso per l’ambiente, ma può apportare benefici diretti anche alle proprie tasche, grazie alle agevolazioni studiate in maniera tale da favorire la diffusione di questo tipo di vetture. Non esistono scontistiche uniche per tutto il Paese e nemmeno tariffe ridotte che si applicano su larga scala: sono le singole Regioni e spesso le amministrazioni comunali a deciderle.

=> Auto elettriche e ibride le più amate dai giovani UE, leggi perché

Si prenda ad esempio in considerazione l’esenzione dal pagamento del bollo: undici Regioni su venti a livello nazionale non la applicano in alcun modo, mentre nelle restanti nove la durata è variabile (solitamente tre o cinque anni), in alcuni casi solo per i modelli che al motore elettrico affiancano quello a benzina.

Orientarsi può non essere semplice, ma grazie allo specchietto riportato di seguito (aggiornato al 27 gennaio 2017) è possibile sapere immediatamente se l’acquisto di un veicolo ad alimentazione ibrida consente di risparmiare successivamente sulla tassa.

Auto ibride: esenzione bollo nelle Regioni

  • Abruzzo: nessuna esenzione;
  • Basilicata: cinque anni;
  • Calabria: nessuna esenzione;
  • Campania: tre anni per le ibride a benzina;
  • Emilia-Romagna: nessuna esenzione;
  • Friuli-Venezia Giulia: nessuna esenzione;
  • Lazio: tre anni per le ibride a benzina;
  • Liguria: cinque anni;
  • Lombardia: nessuna esenzione;
  • Marche: cinque anni;
  • Molise: nessuna esenzione;
  • Piemonte: nessun esenzione;
  • Puglia: cinque anni;
  • Sardegna: nessuna esenzione;
  • Sicilia: nessuna esenzione;
  • Toscana: nessuna esenzione;
  • Trentino-Alto Adige: tre anni nella provincia di Bolzano;
  • Umbria: tre anni;
  • Valle d’Aosta: nessuna esenzione;
  • Veneto: tre anni.

La situazione varia ulteriormente se si prendono in considerazione le singole città e, in particolare, le agevolazioni che riguardano le tariffe dei parcheggi a pagamento e l’accesso nelle ZTL.

Auto ibride: le agevolazioni nelle città

  • Agrigento: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Alessandria: accesso libero e gratuito alle ZTL e sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Andria: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Aosta: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Bergamo: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Bologna: accesso libero e gratuito alle ZTL e sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Campobasso: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Catania: accesso libero e gratuito alle ZTL e sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Chieti: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Cosenza: sosta gratuita nelle strisce blu e accesso alle corsie preferenziali;
  • Empoli: tariffa agevolata per i parcheggi;
  • Genova: sosta gratuita nelle zone Blu Area;
  • Lecce: accesso libero e gratuito alle ZTL e sosta gratuita strisce nelle blu in ZTL;
  • Lucca: tariffa agevolata per i parcheggi;
  • Matera: accesso libero e gratuito alle ZTL e all’area pedonale;
  • Messina: strisce blu a tariffa ridotta del 50%;
  • Milano: accesso gratuito all’Area C;
  • Palermo: accesso libero e gratuito alle ZTL;
  • Parma: accesso libero e gratuito alle ZTL e sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Perugia: accesso libero e gratuito alle ZTL e sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Pesaro: accesso libero e gratuito alla Zona Blu;
  • Pescara: tariffa agevolata per i parcheggi;
  • Reggio Calabria: accesso libero e gratuito alle ZTL, sosta gratuita nelle strisce blu e accesso alle corsie preferenziali;
  • Roma: sconto per l’accesso alle ZTL e sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Salerno: accesso libero e gratuito alle ZTL e tariffa agevolata per i parcheggi;
  • Senigallia: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Teramo: accesso libero e gratuito alle ZTL, sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Terni: accesso libero e gratuito alle ZTL;
  • Torino: accesso libero e gratuito alle ZTL;
  • Udine: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Vercelli: sosta gratuita nelle strisce blu;
  • Vicenza: sosta a tariffa agevolata.

27 gennaio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Via:
Immagini:
I vostri commenti
Nicola, sabato 10 giugno 2017 alle13:52 ha scritto: rispondi »

L'elenco della sosta gratuita va aggiornato con Firenze, che da poco ha preso questo provvedimento.

Lascia un commento