Scegliere un’automobile ibrida apre un vero e proprio mondo di vantaggi che va oltre i benefici di viaggiare con un basso impatto ambientale, di risparmiare sulle spese per il carburante e di spostarsi nella quasi assoluta silenziosità che amplifica il comfort di marcia. Scegliere un veicolo ibrido, infatti, consente anche di avere agevolazioni di natura burocratica e di poter percorrere gratuitamente o a tariffe ridotte aree che sono precluse a tutte le automobili con propulsione tradizionale.

Grazie a una legge entrata in vigore lo scorso anno, tutti gli automobilisti italiani che scelgono una auto ibrida possono usufruire di un discreto risparmio per quanto riguarda il pagamento del bollo, in quanto l’importo per questi veicoli viene calcolato tenendo unicamente conto della potenza del motore termico, senza valutare i cavalli erogati dal propulsore elettrico.

I vantaggi diventano ancora più evidenti se si risiede in una regione come la Lombardia, ad esempio, dove i proprietari di auto ibride sono esentati dal pagamento del bollo per 3 anni con l’unica condizione di rottamare una vettura inquinante all’atto dell’acquisto della nuove automobile a ridotte emissioni. Per rendersi conto dell’importanza di questa agevolazione basta pensare che un modello compatto e polivalente come la Toyota Yaris Hybrid da 55 kW consente un risparmio di ben 425,70 euro nell’intero triennio.

Non è previsto il bollo per 3 anni nemmeno per i cittadini del Lazio e per quelli del Veneto, mentre Campania e Umbria esentano dal pagamento della tassa di possesso fino al 2016. Ancora meglio, infine, va agli automobilisti residenti in Puglia, che possono dimenticarsi del bollo auto per ben 5 anni, con un risparmio netto che può arrivare fino a 941,70 euro se si sceglie uno dei modelli ibridi Toyota da 73 kW come la Auris Hybrid o la Prius.

Ai vantaggi di natura economica si aggiungono altre agevolazioni più strettamente legate all’utilizzo quotidiano di una vettura ibrida, in quanto questo genere di modelli è autorizzato in diverse città italiane ad entrare nelle ZTL (Zona a Traffico Limitato) senza pagare alcun costo di pedaggio o pagando meno rispetto agli altri veicoli, con l’ulteriore possibilità di parcheggiare nelle aree delimitate dalle strisce blu.

La auto ibride godono di privilegi a Roma, dove i loro proprietari beneficiano di strisce blu gratis e di ingresso nella ZTL a tariffa ridotta, a Milano con l’accesso gratuito all’Area C, a Torino, dove si può circolare senza pagare nella ZTL, a Napoli con il parcheggio gratuito sulle strisce blu, nonché a Perugia e a Bologna con ZTL e strisce blu svincolate dalle tariffe.

16 gennaio 2015
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
ernesto, martedì 15 novembre 2016 alle15:08 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere il costo del bollo per una toyota ibrida 2.5 e s epaga la ztl e strisce blu in lombardia

Francesco, sabato 2 luglio 2016 alle9:03 ha scritto: rispondi »

Posso saper,per favore,quanto si paga a Roma nelle zone a ztl con auris ibrida. Dove bisogna andare per eventuali permessi,non sono di Roma. grazie Francesco

claudio, domenica 21 febbraio 2016 alle11:14 ha scritto: rispondi »

Sono proprietario di una auris hybrid e giro l'italia per lavoro, vorrei sapere le modalità per ottenere il posteggio gratuito nelle strisce blu a Roma. Grazie

francesco, sabato 19 dicembre 2015 alle17:52 ha scritto: rispondi »

Gradirei informazioni riguardo alla legislazione sulle auto ibride in sicilia es. pagamento superuomo o bollo normale etc. Grazie

Giansandro, mercoledì 2 dicembre 2015 alle0:53 ha scritto: rispondi »

ho auto ibrida; risiedo a Napoli Bollo auto dispensato per tre anni Possibilitá di parcheggiare sugli stalli con strisce blu del Comune di Napoli gratuitamente fino a aprile 2016 pagando un bollettino di 10€ (vedi sito dell'ANM) Trovo però assurdo che questo provvedimento non si adotti in tutta l'area Metropolitana della provincia di Napoli. Si può usufruire di un permesso per ingresso in ZTL pagando una quota annua dj 100€

Lascia un commento