L’annunciato arrivo sui mercati europei della Ford Mondeo ibrida apre le porte della propulsione alternativa al costruttore di Detroit, che in Nord America vende da qualche tempo vetture dotate di doppio sistema propulsivo con tecnologia plug-in al fine di contenere le emissioni inquinanti e abbassare i consumi. Il prossimo passaggio sarà quello di puntare su queste soluzioni tecniche anche in Europa ed è proprio a questa strategia che si riferiscono alcune ricostruzioni pubblicate oggi dalla stampa internazionale.

Infatti, secondo quanto dichiarato dal portavoce di Ford Europe, John Gardiner, il primo modello plug-in europeo della casa dell’Ovale potrebbe non essere la Ford Mondeo Hybrid che arriverà nelle concessionarie entro la fine dell’anno, ma questo “primato” potrebbe invece spettare ad un altro modello molto apprezzato e popolare come la C-Max, monovolume media già adesso disponibile anche in Italia con motorizzazioni tradizionali.

La Ford C-Max ibrida plug-in avrebbe buone possibilità di arrivare sulle strade europee in tempi relativamente brevi, per essere commercializzata in alcuni mercati selezionati da individuare ovviamente tra quelli con maggiori potenzialità per i modelli con questa tecnologia.

La probabile scelta di dare precedenza alla C-Max è slegata dalle politiche industriali che riguardano la nuova Ford Mondeo 2015, in quanto il dirigente Ford Uli Koesters ha ammesso che il gruppo è in grado di realizzare una versione plug-in della Mondeo ibrida in tempi rapidi e non pare quindi ci siano difficoltà tecniche tali da rinviare la “conversione” della segmento D americana.

Insomma la Ford C-Max potrebbe essere la prima ibrida plug-in europea del marchio, ma non è detto che in seguito anche la Mondeo non segua questa strada, soprattutto se si considera che il prossimo anno la vettura di Detroit si troverà a fronteggiare l’arrivo di una concorrente diretta come l’annunciata Volkswagen Passat ibrida plug-in.

20 ottobre 2014
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento