Finora è stato conosciuto semplicemente come Toyota FCV, acronimo che indica l’espressione generica “Fuel Cell Vehicle“, ma il primo modello a idrogeno del costruttore giapponese non arriverà sul mercato con questo nome, che è stato utilizzato in più occasioni per mostrarlo in pubblico in veste di prototipo, ma che in effetti sembra poco adatto a un modello ambizioso, destinato forse ad essere un punto di riferimento nel mercato dei veicoli a basso impatto ambientale.

Alcune indiscrezioni indicano che, una volta sul mercato, la FCV potrebbe chiamarsi Toyota Mirai, parola di origine giapponese che significa “Il futuro“. L’espressione chiarisce quali sono le intenzioni e le aspettative del gruppo verso questo veicolo, tanto da “scomodare” un nome che in Estremo Oriente è stato portato da diverse personalità illustri.

La Toyota Mirai potrebbe davvero essere il futuro dell’automobile in generale e non solo del comparto di modelli a ridotte emissioni, che nei prossimi anni è destinato a crescere sia in termini di offerta e sia per quanto riguarda la diffusione sui principali mercati.

La tecnologia a celle a combustibile si presenta come una delle soluzioni più efficienti sotto il profilo squisitamente ambientale, grazie alla possibilità di viaggiare producendo allo scarico semplicemente del vapore acqueo.

La proposta di Toyota è già stata mostrata al pubblico in diverse occasioni e si prepara ad esordire sulle strade giapponesi nell’aprile 2015, anche se si tratterà di una commercializzazione limitata ad alcune aree ben precise, ovvero quelle in cui è in programma la costruzione di una prima rete di infrastrutture per la distribuzione dell’idrogeno.

A partire dalla prossima estate la Toyota Mirai arriverà anche in altri mercati, compresi i principali Paesi europei e il Nord America. Il prezzo dovrebbe avvicinarsi ai 50.000 euro circa.

30 luglio 2014
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
Angelo, mercoledì 30 luglio 2014 alle16:50 ha scritto: rispondi »

Preferisco possibilmente parlare di auto ad aria compressa, non ritengo di soluzione efficace l'auto ad idrogeno idem l'auto elettrica. Saluti. Angelo Di Benimeo.

Lascia un commento