Auto elettriche: Volkswagen testa batterie quattro volte più efficienti

Uno dei principali margini di miglioramento per incentivare la diffusione delle auto elettriche, anche su medie e lunghe percorrenze, è l’autonomia delle batterie. Novità su questo fronte ci arrivano in questi giorni dalla Volkswagen. La casa automobilistica tedesca sta infatti effettuando dei test per potenziare e innovare la tecnologia delle batterie in dotazione sulle auto elettriche.

Secondo quanto dichiarato dalla compagnia, questo nuovo tipo di batteria potrebbe rivoluzionare il settore delle auto elettriche. Dichiarazioni che non sembrano azzardate se si guardano attentamente le prestazioni promesse dalla tecnologia in fase di test alla Volkswagen. Le nuove batterie delle auto elettriche potrebbero infatti triplicare o addirittura quadruplicare la potenza attuale. Per operare un esempio efficace, basti pensare alla potenza della batteria agli ioni di litio in dotazione alla Volkswagen Golf Blue-e-Motion, pari a 26.5kWh. La nuova batteria potrebbe raggiungere gli 80kWh, occupando lo stesso volume.

Heinz-Jakob Neusser, uno dei membri del consiglio responsabile dello sviluppo della Volkswagen, ha parlato della nuova batteria nei giorni scorsi al Salone dell’Auto di Ginevra. Neusser ha mantenuto lo stretto riserbo sulle caratteristiche tecniche della batteria, ma non ha negato che possa trattarsi di una batteria litio-aria, tecnologia ancora a uno stadio embrionale ma molto promettente.

Neusser ha infatti specificato che sarà necessario del tempo prima che i test su queste nuove batterie diano risultati soddisfacenti, tali da approdare sul mercato. Per quanto riguarda l’autonomia delle nuove batterie, Neusser ha sottolineato che dipende dalle esigenze del cliente. Come seconda auto di una famiglia media, un veicolo elettrico con un’autonomia di 200 chilometri può rivelarsi più che sufficiente. Se invece l’auto elettrica è l’auto principale utilizzata per gran parte degli spostamenti della famiglia, bisogna studiare batterie che garantiscano un’autonomia decisamente maggiore.

Neusser si dichiara fiducioso, poiché la grande concorrenza nella ricerca su batterie elettriche più efficienti fornirà presto soluzioni all’avanguardia. La Volkswagen di recente sta concentrando i suoi sforzi sulle tradizionali pile combustibili con membrana a scambio protonico acqua-idrogeno, piuttosto che sulle celle combustibili ad acido fosforico su cui pure aveva investito fino a qualche anno fa.

28 marzo 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento