Dopo gli incendi accaduti in Messico e negli USA, un’altra Tesla Model S è stata avvolta dalle fiamme, ma stavolta a Toronto.

Dei cinque casi di Model S andate bruciate finora accertati, quello accaduto in Canada è il secondo in cui il fuoco non è stato causato da un incidente stradale ma si è sviluppato durante la sosta. A quanto si apprende dalle fonti, infatti, la vettura elettrica era stata posteggiata dal proprietario a fianco di una Lexus nel proprio garage, ma sembra che non fosse collegata alla rete elettrica per la ricarica, un dettaglio che farebbe cadere l’ipotesi che la combustione possa essere stata scatenata da qualche problema della batteria o dal sistema utilizzato per il rifornimento di corrente.

L’incendio è stato definito dai testimoni oculari come “intenso”, ma i vigili del fuoco sono riusciti a domarlo abbastanza in fretta limitando i danni alla Tesla Model S, che era stata comprata quattro mesi fa. Il costruttore californiano ha inviato sette dipendenti presso l’abitazione del cliente canadese per verificare i dettagli dell’incidente, proponendo a quest’ultimo un risarcimento per i danni e i disagi causati dal fuoco, ma ricevendo in cambio un rifiuto da parte dell’uomo.

In un comunicato Tesla ha ovviamente tirato le proprie difese, specificando che gli incendi occasionali sono un problema con cui tutte le case automobilistiche hanno a che fare. L’azienda di Elon Musk ha insistito nel sottolineare come le auto a benzina siano fino a cinque-dieci volte più propense a prendere fuoco di quelle elettriche e che in nessun caso di fiamme legato alla Model S ci siano stati feriti gravi o decessi.

Per quanto riguarda il caso dell’incendio canadese, Tesla ha assicurato che il problema non è stato dovuto all’adattore, dalla presa elettrica, dal sistema di ricarica o dalla batteria.

14 febbraio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Giuseppe, sabato 15 febbraio 2014 alle11:16 ha scritto: rispondi »

Per dovere di cronaca l'altro giorno è bruciata una mercedes vicino a un negozio distruggendo parte del negozio, era l'una del pomeriggio, sembra che sia presa a fuoco da sola...

gio, sabato 15 febbraio 2014 alle10:55 ha scritto: rispondi »

perché rifiutare il rimborso e il sopralluogo? strano strano .....cominciano i complotti?

Lascia un commento