Una Nissan Leaf tra i regali che Papa Francesco ha ricevuto per i suoi 80 anni. L’auto elettrica è arrivata ieri sera in Vaticano quale regalo posticipato per il pontefice, che ricordiamo festeggia il suo compleanno il 17 dicembre. A inviare il dono è stato il fondo d’investimento Wermuth Asset Manager.

=> Guarda le prime immagini della Nissan Leaf di nuova generazione

La Nissan Leaf regalata a Papa Francesco è un modello dotato di pannello fotovoltaico e verrà utilizzata dal pontefice per i suoi normali spostamenti. Un regalo “a zero emissioni” in linea con quelle che sono state le iniziative dello stesso Bergoglio riguardo l’ambiente, in primis l’enciclica 2015 “Laudato Sì”.

=> Leggi le novità su Nissan Leaf

L’enciclica Laudato Sì ha rappresentato un forte messaggio rivolto a tutti gli abitanti della Terra, affinché difendano l’ambiente e il pianeta, poichè rappresentano “la casa comune”. Ecco quindi che un regalo che ricorda da vicino i benefici della mobilità sostenibile ben si sposa con quanto contenuto nel lavoro di Bergoglio, all’interno del quale si ricordava inoltre l’importanza di una scelta “green” anche per quanto riguarda l’energia.

In quell’occasione Papa Francesco aveva raccolto inoltre i consensi di Greenpeace International, che attraverso il suo direttore esecutivo Kumi Naidoo aveva dichiarato:

Greenpeace accoglie con soddisfazione l’importante intervento di Papa Francesco nella battaglia comune dell’umanità per contrastare catastrofici cambiamenti climatici. Questa prima Enciclica sull’ambiente porta il mondo un passo più vicino al punto di svolta, quando abbandoneremo i combustibili fossili per abbracciare un mondo 100 per cento rinnovabile, per tutti, entro la metà di questo secolo.

Proprio Nissan Leaf è stata infine oggetto nelle ultime settimane di alcune attenzioni particolari, con le prime immagini del modello di nuova generazione diffuse sul Web. L’uscita è attesa nel 2017 e promette di rappresentare un ulteriore importante passo in avanti per l’auto elettrica più venduta in Europa.

28 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento