La crisi globale che sta letteralmente travolgendo il mercato dell’auto, mettendo a serio rischio anche i gruppi automobilistici storici e con una tradizione consolidata, rischia di minare fortemente i piani di crescita dell’auto elettrica, la stessa che molti osservatori indicavano come uno dei capisaldi su cui costruire la rinascita del settore. Una conferma di quanto difficile sia la situazione arriva dagli USA, dove Tesla sembra intenzionata ad apportare dei tagli alla produzione, anche se i motivi che potrebbero portare a tale scelta non sono ancora chiari.

Secondo l’analista della Wunderlich Securities, Theodore O’Neil, la casa costruttrice californiana sarà costretta a rivedere la produzione prevista per il prossimo trimestre, che potrebbe essere dimezzata rispetto alle stime iniziali. Se le previsioni di O’Neil si riveleranno esatte, nei prossimi mesi dallo stabilimento Tesla di Fremont potrebbero uscire appena 500 Tesla Model S in luogo dei 1.000 esemplari inizialmente programmati, andando così a mettere in grosso dubbio il raggiungimento dell’obiettivo di produzione su base annuale, che per il momento rimane fissato a 5.000 automobili elettriche.

L’analista ha spiegato che non dovrebbero esserci problemi per quanto riguarda le forniture di componenti, lasciando in questo modo aperto il discorso sui motivi che potrebbero portare Tesla ai tagli alla produzione. Le ipotesi più accreditate, in questi casi, vanno da alcuni problemi di carattere tecnico, che avrebbero consigliato i tecnici a rallentare la catena di montaggio in attesa di soluzioni, a ragioni di carattere economico, che si potrebbero spiegare con un calo degli ordini relativi alle vetture.

In ogni caso, in attesa di capire di più su questa situazione la quotazione del titolo Tesla ha sofferto in Borsa, a conferma del clima di incertezza che vi regna attorno e che potrebbe condizionare, seppur in parte, l’intero settore dell’auto elettrica americana.

19 luglio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Cosimo, venerdì 20 luglio 2012 alle9:15 ha scritto: rispondi »

certo che se alla Tesla abbassassero un pò i prezzi la cosa non guasterebbe. Se vogliono produrre auto super costose e i ricchi diminuiscono  sono problemi loro

Ziomaul, giovedì 19 luglio 2012 alle22:04 ha scritto: rispondi »

Secondo un analista legato al mercato petrolifero e non della Tesla stessa come erroneamente si cerca di far capire, la Tesla dovrebbe fallire con il lancio della Sedan? . Peccato che già la Tesla denuncia che gli ordinativi confermati siano migliaia e per questo apre numerose concessionarie nel mondo al contrario di altre industria automobilistiche! . Ciao

Lascia un commento