Il futuro delle auto elettriche è nelle mani di tre grandi compagnie leader del settore: Tesla, BMW e Nissan. Le tre case automobilistiche, benché siano accanite concorrenti, avrebbero infatti deciso di collaborare a un nuovo standard per la ricarica elettrica che potrebbe accelerare la diffusione dei veicoli a zero emissioni.

Le indiscrezioni sono state pubblicate dal prestigioso quotidiano economico Financial Times. Nello specifico, le tre compagnie starebbero lavorando a uno standard da condividere con tutti i costruttori per permettere una ricarica delle auto elettriche più efficiente e rapida, con modalità identiche per tutti i modelli futuri. L’obiettivo è superare uno degli scogli che impediscono alle auto elettriche di diffondersi sul mercato delle auto di massa, ovvero i tempi di ricarica lunghi.

Punto di partenza di questa alleanza sarà non a caso la tecnologia Tesla alla base dei superchargers, i sistemi di ricarica più veloci presenti attualmente sul mercato delle auto elettriche. La Tesla Model S riesce a fare un pieno di energia in appena un’ora. Con i nuovi caricatori un rifornimento della durata di 20 minuti basta a coprire oltre 200 chilometri. Al momento nessun’altra vettura, che non sia della Tesla, può reggere ricariche da 135 KW. La BMW utilizza la tecnologia SAE Combo, mentre la Nissan si affida al sistema di ricarica Chademo.

Pochi giorni fa la Tesla ha però reso open source il suo sistema di ricarica veloce, aprendo di fatto alla collaborazione con altre compagnie per migliorare ulteriormente la tecnologia a tutto beneficio dei possessori di auto elettriche. L’invito di Elon Musk, CEO della compagnia, a quanto pare non è rimasto inascoltato a lungo. Tesla, nello specifico, si offre di rendere fruibile la sua efficiente rete di ricarica anche alle altre compagnie, a patto che contribuiscano ai costi di sviluppo e gestione dell’intero sistema e che la ricarica resti gratuita come avviene oggi per i suoi modelli.

17 giugno 2014
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
marco, martedì 1 luglio 2014 alle22:07 ha scritto: rispondi »

sono un tassista di milano ne vorrei sapere di più ed il costo , visto che ho una Nissan nv 200 evalia 110 cv e dopo anni 2 1/5 mi si è rotto il F.A.P. e la consegna del pezzo è previsto per 27/07/14 con un fermo del mezzo di sostentamento della famiglia di un mese e mezzo cioè 12/06/14 si è rotto , questo si dimostra la serietà di un'azienda . Voi com'è la vostra politica aziendale ? Il taxi come viene trattato , i pezzi di usura in quanto tempo vengono forniti , la rete di riparazione ove sono ?

patrizia, lunedì 23 giugno 2014 alle16:04 ha scritto: rispondi »

vorrei aggiornamenti su auto elettriche. Grazie

Lascia un commento