Il futuro dell’automobile sembra essere sempre più orientato verso due tipologie: le auto elettriche e quelle senza conducente. Meglio ancora quando queste due caratteristiche si fondono nella stessa vettura.

Finora abbiamo visto grossi sforzi su questa tecnologia fatti soltanto in Giappone e negli Stati Uniti, con una piccola eccezione in un laboratorio spagnolo. Presto però le auto senza conducente potrebbero cominciare a circolare anche in Europa.

L’esperimento dovrebbe avvenire entro il 2015 nel centro di Milton Keynes, un paesino a circa 80 chilometri da Londra, e dovrebbe durare 5 anni. La novità di questo progetto sta nel fatto che le auto elettriche senza conducente non circoleranno soltanto su un circuito indoor, ma gireranno liberamente per le strade, tra la stazione ferroviaria, l’area commerciale e gli uffici della cittadina. L’obiettivo è stabilire come questa vettura sia in grado di funzionare in mezzo al traffico.

Il sistema non sarà montato su un modello di auto già in commercio, ma su un Pod, un mezzo a due posti con spazio per i bagagli, che assomiglia a un vagone della metropolitana in miniatura. Ciò che è certo è che sarà elettrico, avrà un’andatura media di 20 km/h e, almeno inizialmente, viaggerà su corsie separate dal resto della carreggiata.

Almeno finché non si avrà la certezza che sia in grado di evitare gli incidenti. I Pod sono dotati di sensori che rilevano gli altri mezzi e i pedoni, e distinguono le auto ferme al semaforo da quelle parcheggiate. Dunque la scelta di farli procedere su corsie preferenziali è solo dovuta a un eccesso di sicurezza iniziale.

Queste auto senza conducente potrebbero presto diventare parte integrante del sistema di trasporto pubblico urbano come servizio di car sharing. Secondo gli ideatori, i clienti saranno in grado di noleggiare i Pod con una tariffa piuttosto bassa, due sterline (2,30 euro) a giro, prenotandoli attraverso smartphone o con altri dispositivi elettronici.

31 ottobre 2013
Lascia un commento