Ricaricare le auto elettriche durante le ore notturne potrebbe causare più danni che benefici all’ambiente e alla salute pubblica. A rivelarlo è un recente studio condotto dai ricercatori della Carnegie Mellon University, pubblicato sulla rivista Environmental Research Letter.

Gli scienziati hanno esaminato le emissioni di gas serra generate durante la notte per soddisfare la richiesta energetica proveniente dalla ricarica dei veicoli elettrici. L’analisi si è concentrata nelle aree di Washington, Philadelphia, Pittsburgh, Cincinnati e Chicago. Una delle firme dello studio il professor Jeremy Michalek illustra i risultati sorprendenti dell’analisi:

Abbiamo scoperto che ricaricare i veicoli elettrici di notte riduce i costi del rifornimento fino a un terzo. L’energia però è più economica perché proviene in larga parte dalle centrali elettriche alimentate dal carbone.

Secondo le stime dei ricercatori americani le emissioni aggiuntive prodotte per garantire la ricarica notturna delle auto elettriche aumentano del 50% i costi sanitari e ambientali. Le centrali elettriche a carbone durante le ore notturne non operano a pieno regime. Quando c’è una richiesta inaspettata di energia di notte la produzione viene incrementata. L’aumento della capacità produce un picco di emissioni di biossido di zolfo, una sostanza inquinante tra le più pericolose per la salute pubblica.

I risultati dello studio sono stati confermati da una seconda ricerca firmata dall’équipe del professor Michalek. Lo studio pubblicato sulla rivista Environmental Science & Technology ha esaminato le emissioni di gas serra generate negli Stati Uniti per far fronte alla ricarica notturna dei veicoli elettrici. In quasi tutti gli Stati l’inquinamento correlato alla ricarica delle auto elettriche si è rivelato superiore di notte.

Secondo Michalek in futuro lo scenario potrebbe cambiare radicalmente. Molte centrali elettriche a carbone verranno chiuse per raggiungere i target climatici fissati dal governo federale.

L’aumento della fetta di fonti rinnovabili nel mix energetico nazionale ridurrà notevolmente l’impatto della ricarica notturna. Per il momento gli utenti che vivono nelle metropoli americane, in larga parte dipendenti dalle fonti fossili, dovrebbero evitare di ricaricare le auto elettriche di notte.

24 febbraio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
grascac, giovedì 25 febbraio 2016 alle9:50 ha scritto: rispondi »

Ho l'auto elettrica la carico a casa e di solito lo faccio quando c'è il sole o di giorno x sfruttare al meglio il fotovoltaico. Però a me risultava che durante le ore notturne, in Europa, c'era eccesso di produzione elettrica????

mexsilvio, mercoledì 24 febbraio 2016 alle19:30 ha scritto: rispondi »

art. farlocco , gli US. vogliono a breve andare per 80% dei consumi con energia rinnovabile , il che vuole affermare che quando a regime , le emissioni saranno nulle o quasi , in coincidenza con l'aumento di auto elettriche ..!!!?

Carla, mercoledì 24 febbraio 2016 alle15:44 ha scritto: rispondi »

Buongiorno, mi chiamo Carla e vivo a Grosseto, ridente cittadina del sud Toscana, a soli 15 km distante dal mare. Sarei interessata a rimanere aggiornata sullo sviluppo delle stazioni di ricarica per le auto elettriche, in Grosseto e provincia, mi potete Distinti saluti.

Lascia un commento