Linea moderna e giovanile, simpatica, abbinata a tanta tecnologia e a un sistema di propulsione completamente elettrico. Sono questi i tratti distintivi della Renault Twin’Z Concept, una vettura compatta molto adatta per la città che il costruttore francese ha presentato nelle scorse ore alla Design Week, nel contesto del Salone del Mobile di Milano.

>>Scopri la Renault Zoe, in arrivo a maggio in Italia

Progettata dal Centro Stile Renault sotto la guida di Laurens Van den Acker e con la collaborazione del designer inglese Ross Lovegrove, la Renault Twin’Z Concept anticipa a grandi linee l’erede dell’attuale Renault Twingo che dovrebbe arrivare sul mercato entro il 2014. Le dimensioni sono contenute e consistono in un corpo vettura lungo 3,63 metri, largo 1,70 metri e alto 1,51 metri.

A fronte di ingombri interni così contenuti la Renault Twin’Z si propone di offrire un abitacolo adeguato a trasportare comodamente i passeggeri, tanto da offrire fino a 11,5 centimetri in più rispetto alla Fiat 500, una delle rivali dirette della piccola francese insieme alla Opel Adam.

>>Leggi i dati sui consumi della FIAT 500 elettrica

Il comparto tecnico presenta invece un motore elettrico sistemato al retrotreno e in grado di erogare una potenza di 68 cavalli e una coppia massima di 226 Nm. Il propulsore agisce attraverso la trazione posteriore e consente alla Twin’Z di raggiungere i 130 km/h come velocità di punta, con un’autonomia di 160 chilometri ottenuta grazie alle quattro batterie installate sotto il pavimento, in modo da non sottrarre spazio all’abitacolo. Lo stile futurista della strumentazione si coniuga con i cerchi in alluminio da 18 pollici disegnati da Lovegrove.

Oltre a sostituire la Twingo, la Renault Twin’Z Concept potrebbe avere una sua controparte tedesca, in quanto il modello rientrerebbe negli accordi tra Renault e Mercedes. Se le ipotesi saranno confermate, infatti, il prototipo francese potrebbe essere la base su cui nascerà una futura Smart, che si differenzierà dalla sorella a marchio Renault per alcuni dettagli estetici e poco altro, mantenendo in comune buona parte della componentistica.

9 aprile 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento